Passa ai contenuti principali

Iguana dai tubercoli o iguana verde (Iguana iguana)

L'iguana dai tubercoli (nome scientifico: Iguana iguana) è una specie della famiglia Iguanidae. Si chiama anche iguana verde o iguana comune. E' una grande specie di sauri erbivori arborei e nativa del Sud e Centro America. 

Descrizione

Gli adulti sono lunghi circa 1,5 metri dalla testa alla coda, e alcuni esemplari possono raggiungere i 2 metri e pesare 5 kg, il che la rende la più grande delle iguane. Può avere diversi colori a seconda della zona di provenienza, il colore può assumere diverse tonalità di verde, ma anche rosa, blu o arancione. E' anche caratterizzato da anelli neri visibili sulla sua coda e sulla cresta di spine. L'iguana verde passa la maggior parte del suo tempo sugli alberi, nutrendosi di foglie. 

Si tratta di un animale territoriale, aggressivo verso gli altri maschi, in particolare durante la stagione riproduttiva. Le femmine depongono le uova una volta all'anno, e dopo la schiusa i giovani sono lasciati a se stessi, spesso vittime di predatori come il basilisco. Raggiungono la maturità sessuale a tre anni.


Un'iguana verde. Foto di Cayambe

L'iguana dai tubercoli ha un aerale molto ampio che va dal sud del Brasile e Paraguay, a nord del Messico, e le isole dei Caraibi. E' presente anche negli Stati Uniti, soprattutto nel sud della Florida, Hawaii e Valle del Rio Grande in Texas, dove minaccia l'equilibrio ecologico locale. In Sud America, l'Iguana verde è apprezzata per la sua carne e le sue uova, ed è cacciato per rifornire i mercati locali, ma anche per il mercato degli animali domestici. Infatti, è sempre più comunemente allevato in cattività come un animale domestico a causa della sua indole calma e dei suoi colori brillanti, anche se richiede una cura speciale e abbastanza spazio. Le catture di animali selvatici hanno ridotto la popolazione di iguane verdi, anche se la specie non è minacciata. Infatti, gli indiani apprezzano molto la sua carne, il che ha un impatto sulla popolazione di questa specie.
  • Morfologia
L'iguana dai tubercoli è un grande rettile che raggiunge in genere una dimensione compresa tra 1,2 e 1,6 metri dal muso alla coda, e pesa da 3 a 5 kg al massimo nel maschio. La femmina è leggermente più piccola e misurare in media da 1,3 a 1,2 metri e pesa circa 2,6 kg. Alcuni esemplari possono raggiungere i 2 metri di lunghezza, diventando così la più grande di tutte le iguane. La coda rappresenta un'elevata percentuale della lunghezza totale, e la lunghezza della bocca del maschio misura circa 45 cm. Nelle zone più aride, come l'isola di Curacao, gli esemplari tendono ad essere più piccoli, e la lunghezza del loro corpo senza considerare la coda supera raramente 23-26 cm.

Questo rettile ha una fila di spine lungo la parte posteriore e la coda che lo aiuta a proteggersi contro i predatori. Le sue spine possono raggiungere 8 cm nei maschi anziani. Inoltre è caratterizzato dalla presenza di una grande squama, il cui colore varia tra gli esemplari, appena sotto il timpano. Le sue zampe sono forti, con cinque grandi dita che terminano in lunghi artigli affilati. L'asse del pollice diverge da quello delle altre dita, facilitando la presa. La coda può essere usata come una frusta per dare colpi e provocare lesioni. Essa rappresenta non meno di due terzi della sua lunghezza totale. L'iguana verde ha anche acquisito durante l'evoluzione giogaia che serve per la termoregolazione, oltre che per scopi sessuali e per le lotte territoriali.

I denti sono uniti al bordo interno della mandibola. Essi sono appiattiti e dotati di diversi tubercoli. La loro sostituzione è diversa rispetto ad altri rettili: la gemma del dente nuovo cresce alla base del primo dente e all'interno di esso, scava gradualmente nel vecchio dente sostituendolo.
  • Colorazione
Nonostante il suo nome comune, l'iguana verde può avere colori diversi. Nei paesi del sud dell'aerale delle specie, come il Perù, le iguane dai tubercoli sono di colore bluastro con chiazze nere. Su isole come Bonaire, Curaçao, Aruba e Grenada, possono anche essere verde, nero, lavanda o addirittura rosa. Le iguane verdi che vivono nella parte occidentale della Costa Rica sono di colore rosso, mentre gli animali dell'aerale del nord, come il Messico, sono arancioni. I giovani di El Salvador sono spesso di un blu brillante prima di perdere questo colore nell'età adulta.

L'iguana dai tubercoli non ha un colore del tutto uniforme. Anelli di colore giallo e nero sono generalmente sulla coda, strisce orizzontali nerastre sull'addome e sui fianchi e strisce colorate sulle spalle.
  • Dimorfismo sessuale 
Le femmine di iguana dai tubercoli sono meno impressionanti rispetto ai maschi. Questi sono anche caratterizzati da spine molto più lunghe e più spesse, hanno una testa più massiccia e una giogaia più visibile; Hanno anche colori più vivaci delle femmine. Il maschio di iguana verde ha ghiandole abbastanza sviluppate sotto le cosce che secernono una sostanza odorosa. Anche le femmine hanno questo tipo di ghiandole sotto le cosce, ma sono molto meno sviluppate che nei maschi.

Specie simili

Nei Caraibi, l'Iguana verde può essere confusa con l'altro membro del genere Iguana, l'iguana delle Antille (Iguana delicatissima). Quest'ultima è più piccola e differisce dall'iguana verde dall'assenza di squama sotto il timpano e la mancanza di strisce nere sulla coda.

Biologia ed ecologia
  • Sensi
L'Iguana dai tubercoli ha un'ottima visione che gli permette di distinguere le forme e i movimenti a lunga distanza. La sua visione non è buona, tuttavia, quando la luminosità è scarsa. Possiede delle cellule che danno una buona visione dei colori e gli permettono di vedere negli ultravioletti. Questa funzionalità è molto utile quando l'animale cerca di assorbire abbastanza UVA e UVB dalla luce del sole per la produzione di vitamina D3.

L'iguana verde ha un organo vomero-nasale che gli consente di analizzare le molecole nel suo ambiente con più precisione dal loro odore. Il gusto è anche molto sviluppato attraverso molte papille gustative presenti sulla lingua. Tuttavia, anche se distingue i rumori, il suo udito è inefficiente.
  • Termoregolazione 
Come la maggior parte dei rettili, l'Iguana verde è un animale peciloterme, vale a dire, la temperatura del corpo non è costante, ma dipende dal suo ambiente. Per rimanere all'interno del suo range di temperatura ottimale compreso tra 29 e 39 ° C, l'Iguana dai tubercoli usa il suo occhio parietale. Può variare il colore della sua pelle per catturare meglio il calore del sole quando fa troppo freddo o, al contrario, compensarlo quando fa troppo caldo. Può anche influenzare la frequenza cardiaca, rallentandola quando fa caldo.
  • Comportamento
Le iguane verdi trascorrono una vasta maggioranza del loro tempo inattive, appollaiate su un ramo di un albero. Uno studio ha rivelato che un'iguana verde dedica il 3% del suo tempo per la riproduzione, l'1% in cerca di cibo e rimane inattivo per 96% del tempo. Infatti non deve spostarsi molto per trovare cibo, e mangia più nella stagione umida che in quella secca, adattando il consumo alle risorse di cibo.

Sono animali territoriali, i maschi non esitano a lasciare il proprio ramo per cacciare un altro maschio che si avventurari nel loro territorio. Tuttavia, possono a volte lasciare avvicinare i giovani maschi che ancora non costituiscono una minaccia reale. Il territorio generalmente corrisponde ad un albero, ma diverse iguane a volte possono condividere un albero sufficientemente grande, occupandone ognuno una porzione. I combattimenti tra i maschi sono più frequenti durante il periodo riproduttivo, i giovani maschi combattono i loro anziani in base ad uno specifico rituale. Le iguane avanzano uno di fronte all'altro, tendono gli arti, e cominciano a girare intorno, annuendo e fischiettando, con la coda spazzano il terreno con movimenti a scatti. Poi cercano di salire sulla parte posteriore del loro avversario, e quando uno di loro ci riesce, cerca le pieghe del collo del suo avversario con la bocca spalancata. La testa del maschio dominato diventa verde scuro mentre quello del suo aggressore diventa bianca, in pochi minuti. Il maschio dominante finisce per mordere il suo avversario alla schiena o al collo prima di lasciarlo; il maschio dominato poi fugge in un altro territorio.

Sul territorio di un maschio di solito si trovano circa sei femmine. Le femmine possono anche essere molto aggressive, soprattutto nel periodo di deposizione.
  • Locomozione
L'iguana dai tubercoli è un ottimo scalatore, che usa gli artigli per aggrapparsi alla corteccia degli alberi e per catturare. L'iguana verde può cadere da un'altezza di 15 m senza danni (usa gli artigli delle sue zampe posteriori per aggrapparsi alle foglie e ai rami degli alberi per rallentare la caduta). Sul terreno, cammina lentamente, trascinandosi dietro il suo corpo sul suolo con le zampe piegate e la coda che ondeggia lentamente. Tuttavia, quando si sente minacciata, può correre con le gambe tese e il corpo ben al di sopra della terra.

L'iguana verde nuota rimanendo completamente sommersa e mantiene le zampe e le ginocchia lungo il corpo. Si muove grazie ai battiti della sua potente code.
  • Alimentazione
Questo animale è erbivoro. Tuttavia, si osserva che gli individui più giovani sono più carnivori e diventano erbivori man mano che età avanza. Gli individui di età inferiore a due o tre anni consumano insetti e ragni, per la loro buona crescita, mentre gli adulti mangiano le piante verdi, a volte aggiungendo fiori e frutti al loro menù. A causa delle sue abitudini arboree, mangia principalmente foglie ed epifiti, per esempio quelli del genere Billbergia. L'iguana verde afferra il suo cibo con la bocca senza usare le zampe. La dentizione non è differenziata e non è adatta per masticare le piante perché è composta di piccoli denti appuntiti. Le strappa grossolanamente a pezzi prima di deglutire.

Le iguane dai tubercoli non sono in grado di assimilare le piante stesse, composte sostanzialmente di cellulosa che gli enzimi prodotti dal sistema digestivo dell'animale non possono degradare. Esse devono fare affidamento sulla flora microbica del loro intestino crasso per degradare la cellulosa. Le giovani iguane non dispongono di microrganismi necessari per digerire le piante, ed è stato dimostrato che mangiano le feci degli adulti per acquisire la microflora necessaria ad un regime rigorosamente erbivoro.

Nonostante la grande varietà di alimenti che rientrano nel suo menù, l'iguana verde è principalmente erbivora e ha quindi bisogno di uno specifico rapporto di assunzione di minerali.

Per quanto riguarda le iguane in cattività, vi è un dibattito sulla necessità di proteine ​​animali nella loro dieta. Sappiamo, infatti, che le iguane selvatiche mangiano cavallette e lumache di terra, generalmente ingerite con i materiali vegetali che consumano. Inoltre, le iguane verdi adulte a volte mangiano uova di uccelli quando si trovano nello stato selvaggio. Alcuni zoologi, come Adam Britton, ritengono che una dieta che comprende proteine ​​animali non è salutare per il sistema digestivo dell'iguana e potrebbe indurre problemi di salute a lungo termine, soprattutto nei reni, e la morte prematura. D'altra parte, le iguane verdi del Miami Seaquarium a Key Biscayne, in Florida, sono state viste mangiare pesci morti e animali allevati in cattività e spesso ingeriscono topi senza ammalarsi, il che scredita un po' la prima tesi.
  • Riproduzione 
Nel mese di dicembre, il maschio di iguana verde corteggia la femmina, indicando con un cenno quella che ha scelto per accoppiarsi. Se lei accetta, il maschio si avvicina, altrimenti la guida con violenti colpi di coda e morsi. Dopo il completamento del corteggiamento, l'accoppiamento avviene. Di solito ci vogliono circa dieci minuti e può essere ripetuto più volte. La stagione riproduttiva può durare da uno a tre mesi.

Le iguane dai tubercoli sono ovipare. Le femmine gravide scavano una tana in una zona soleggiata (savana, spiaggia...), avendo cura di creare una grande camera di incubazione. Vi depongono da 20 a 71 uova una volta all'anno. Dopo la deposizione delle uova, la femmina chiude il nido, spingendovi la terra all'interno, ma avendo cura di lasciare una sacca d'aria. La deposizione di solito si verifica intorno al mese di febbraio, vale a dire durante il periodo più asciutto dell'anno, quando il nido non ha alcun rischio di venire allagato. Al momento della deposizione delle uova, le uova sono oblunghe, hanno una lunghezza 25-44 mm e 23-38 mm di larghezza. Il guscio è morbido e poroso, e si gonfierà durante l'incubazione.

Le uova si schiudono dopo 10 o 15 settimane di incubazione ad una temperatura stabile di 28-32°, di solito nella stagione delle piogge in aprile o maggio, vale a dire quando il cibo è più abbondante. Una volta schiuse, le giovani iguane sono simili agli adulti. A loro mancano le spine. La femmina non si occupa dei piccoli dopo la nascita.

Le giovani iguane appena nate sono di 75 mm e pesano 11 g. Crescono abbastanza rapidamente, con una muta ogni 3 o 4 settimane. Guadagnano una media di 0,273 mm al giorno, ma questa crescita quotidiana può variare tra 0,22 e 0,58 mm al giorno nel corso del tempo o da un individuo all'altro. I genitori non si occupano affatto delle giovani iguane, che devono imparare in fretta a racimolare il loro cibo. I giovani rimangono in gruppi tra fratelli durante il loro primo anno di vita. E' stato osservato in questi gruppi che i maschi proteggono le femmine mettendo il proprio corpo in opposizione ai predatori. Questa è l'unica specie di rettili di cui questo comportamento è conosciuto.

I giovani rimangono estremamente vulnerabili e solo il 2,6% di loro raggiunge l'età di un anno, gli altri sono vittime di diversi predatori, cacciatori di frodo che cercano le giovani iguane per mercato o il traffico di animali. Le iguane raggiungono la maturità sessuale a circa 3 anni, un po' prima per le iguane che hanno una dieta molto insettivora. La loro longevità è da 10 a 15 anni. Durante la sua vita, l'iguana femmina depone le uova da cinque a otto volte.
  • Predatori
Il predatore principale delle giovani iguane è il basilisco, una lucertola che ha la particolarità di essere in grado di correre sulle zampe posteriori, e catturare le giovani iguane a terra durante i primi mesi di vita. Una volta che le iguane sono cresciute, questo piccolo animale domestico non può più mangiarle. 

Lo zoologo americano Van Devender ha individuato in Costa Rica una dozzina di specie di serpenti che attaccano le giovani iguane verdi, ma solo una di loro può mangiare quelle adulte. Egli ha anche notato che un'altra specie di iguana, Ctenosaura similis, potrebbe nutrirsi occasionalmente di iguane verdi. 

Anche gli uccelli sono predatori frequenti per le giovani iguane, soprattutto i rapaci come le poiane. Vicino agli insediamenti umani, i cani domestici possono essere un pericolo per l'iguana in quanto perseguono gli adulti o distruggono i nidi.
  • Difesa
In caso di minaccia, la reazione più comune è il salto. Quando si sente minacciato può cadere dal suo albero, e cadere diversi metri prima di raggiungere il punto d'acqua più vicino in cui può rifugiarsi. Come molte altre lucertole, se si cattura per la coda, l'iguana dai tubercoli potrebbe separarsene pur di fuggire.

Ma l'iguana dai tubercoli può anche difendersi attivamente. Di fronte a una minaccia, gonfia il collo irto di spine, soffiando e agitando la giogaia per impressionare il suo avversario. Può poi passare all'attacco saltando sul suo avversario e mordendo, agitando la sua lunga coda come una frusta.

Distribuzione e habitat

La sua area di distribuzione si estende dal sud del Messico, negli stati di Sinaloa e Veracruz, al centro del Brasile, Paraguay, Bolivia e anche in Perù e Argentina settentrionale. Si trova anche su una serie di isole come i Caraibi, tra Grenada, Curacao, Trinidad e Tobago, Santa Lucia, Saint Vincent e Útila. E' stata introdotta sull'isola di Grand Cayman, Porto Rico, Texas, Florida, Hawaii e isole Vergini.

Le iguane dai tubercoli sono animali notturni, arborei, e spesso vivono in prossimità di un punto d'acqua. Così, sono particolarmente affezionate agli alberi vicino a fiumi e torrenti, su cui stanno per lunghe ore. Uno studio in Belize ha dimostrato che è particolarmente affezionata a piante del genere Citharexylum e alle mimose, che rappresentano rispettivamente il 50 e il 30% dei luoghi utilizzati per riposare, mentre rappresentano solo il 15% della vegetazione. 

Durante la stagione fredda e umida, le iguane verdi preferiscono rimanere a terra, perché è più caldo. I giovani inoltre trascorrono la maggior parte del loro tempo a terra, nascondendosi tra i cespugli, e, occasionalmente, si arrampicano su piccoli arbusti. L'iguana verde si può incontrare ad altitudini che vanno dal livello del mare fino a 1000 m in Colombia. Può vivere in ambienti relativamente aridi, come sull'isola di Curaçao.
LEGGI ANCHE: ANIMALI DELL'AMAZZONIA
Fonte: Iguana iguana - Wikipédia (traduzione parziale)

Articoli più letti

La Foresta Amazzonica (o Amazzonia)

La foresta amazzonica, nota anche con il nome di Amazzonia o giungla amazzonica, è una foresta equatoriale situata nel bacino amazzonico in Sud America. Con una superficie di 5,5 milioni di km², ovvero circa dieci volte più della Francia, è la foresta più grande del mondo. La foresta amazzonica copre nove paesi, principalmente il Brasile: quasi i due terzi della sua superficie totale sono in Brasile (63%); il terzo rimanente è condiviso da Perù (13%), Colombia (10%) e, in misura minore, Ecuador, Venezuela, Suriname, Guyana, Bolivia e Guiana francese.

Composta da circa 390 miliardi di alberi e 16.000 specie diverse, la foresta amazzonica è il più grande contenitore di biodiversità nel mondo. Ci sono quasi 60 volte più alberi adulti nella foresta amazzonica che esseri umani in tutto il pianeta.
Questo immenso territorio è minacciato dalla deforestazione: dal 1970, circa il 18% della foresta originaria è scomparso a causa della deforestazione e delle attività umane. Per preservare quest…

La deforestazione in Amazzonia

La deforestazione della foresta amazzonica ha subìto una forte crescita tra il 1991 e il 2004, raggiungendo un tasso di perdita forestale annua di 27,423 km² nel 2004. Anche se il tasso di deforestazione ha avuto un rallentamento a partire dal 2004 (con re-accelerazioni nel 2008 e 2013), la superficie forestale rimanente continua a diminuire.
La foresta amazzonica rappresenta oltre la metà delle foreste pluviali rimanenti nel pianeta, e costituisce il tratto di foresta pluviale tropicale più grande e più ricco di biodiversità nel mondo. Il 60% della foresta è contenuto in Brasile, seguita dal Perù con il 13%, la Colombia con il 10%, e con quantità minori in Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese.
Il settore dell'allevamento nell'Amazzonia brasiliana, incentivato dalle produzioni internazionali di carni bovine e di cuoio, è stato responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e di circa il 14% della deforestazione annua totale n…

Gli Indios dell'Amazzonia: popolazioni indigene

In Amazzonia vivono numerosissime tribù di indigeni, ma molto probabilmente non fu mai abitata prima del 3000 A.C. Oggi, gli indios amazzonici mantengono molte delle loro tradizioni centenarie e dei loro costumi, ma il loro habitat è seriamente minacciato dalla deforestazione e dallo sfruttamento del suolo.
Interazioni tra i diversi gruppi

Ogni gruppo linguistico tende a condividere alcune caratteristiche relative alla tipologia del territorio che occupano, del modo di produzione e del tipo di materialismo culturale. Ad esempio, praticamente tutti i gruppi etnici delle famiglie Arawak, Cariban e Tupi occupano aree di foresta pluviale tropicale, utilizzano ampiamente l'agricoltura e costruiscono canoe, amache e ceramiche. D'altra parte, i gruppi etnici Yê di solito vivono nelle praterie, hanno poca agricoltura e non costruiscono canoe, amache o ceramiche. Tuttavia, essi hanno una organizzazione sociale più complessa. Sparsi tra i villaggi agricoli, nel cuore della giungla, vivo…

Giaguaro (Panthera onca)

Il giaguaro (nome scientifico: Panthera onca) è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi. E' uno dei cinque "grandi felini" del genere Panthera con la tigre, il leone, leopardo e il leopardo delle nevi. La sua specie si estende dal Messico a gran parte dell'America Centrale e del Sud America fino al nord dell'Argentina e al Paraguay.
Descrizione
Questo felino maculato assomiglia fisicamente al leopardo, ma l'aspetto è generalmente più grande e più massiccio. L'habitat e il comportamento, invece, sono più vicini a quelli della tigre. Sebbene la fitta foresta pluviale sia il suo habitat preferito, il giaguaro abita anche in una vasta gamma di aree aperte e boschive. 
E' fortemente associato alla presenza di acqua e, come la tigre, gli piace nuotare. E' un predatore solitario, pur essendo opportunista nella scelta preda. E' anche un superpredatore, che svolge un ruolo importante nella stabilizzazione degli ecosistemi e nella regolazione d…

La Foresta Tropicale (o Foresta Equatoriale)

Le foreste pluviali tropicali, o foreste equatoriali, si trovano in zone di clima tropicale in cui non c'è stagione secca - tutti i mesi hanno una precipitazione media di almeno 60 mm. Raramente si estendono più di 10 gradi a nord o a sud dell'equatore. All'interno della classificazione del World Wildlife Fund, le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta tropicale umida a latifoglie (o foresta umida tropicale) che comprende anche le foreste tropicali stagionali.
La foresta tropicale può essere descritta in due parole: caldo e umido. Le temperature medie mensili sono superiori a 18° C durante tutti i mesi dell'anno. Le precipitazioni medie annue non sono inferiori ai 168 cm e possono superare i 1.000 cm, anche se sono in genere tra 175 e 200 cm. Questo elevato livello di precipitazioni si traduce spesso in terreni poveri a causa della lisciviazione dei nutrienti solubili nel terreno.
La foresta equatoriale presenta elevati livelli di biodiversità. Dal 40% al …

Animali dell'Amazzonia: la fauna

La Foresta Amazzonica è la patria di circa 2,5 milioni di specie di insetti, decine di migliaia di piante e circa 2.000 uccelli e mammiferi. Fino ad oggi, almeno 2.200 pesci, 1.294 uccelli, 427 mammiferi, 428 di anfibi e 378 rettili sono stati scientificamente classificati nell’Amazzonia. Una specie su cinque di uccelli di tutto il mondo vive nelle foreste pluviali dell’Amazzonia, e una su cinque delle specie ittiche vivono nei fiumi e nei torrenti amazzonici. Gli scienziati hanno classificato tra 96,660 e 128,843 specie di invertebrati solo in Brasile. 
Una specie su dieci di animali conosciuti in tutto il mondo vive nella Foresta Amazzonica. Questo fa dell’Amazzonia la più grande collezione di specie animali che vivono nel mondo. Purtroppo, però, a causa dei continui disboscamenti, la fauna di questo meraviglioso luogo è in serio pericolo e molte specie animali sono a rischio estinzione.

LEGGI ANCHE: LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA Uccelli

Nella foresta amazzonica vivono numerosissime…

La Foresta Pluviale

La foresta pluviale è una foresta caratterizzata da elevata piovosità, con precipitazioni annue tra i 250 e i 450 centimetri. Ci sono due tipi di foresta pluviale: la foresta tropicale e la foresta temperata. Il fronte intertropicale, in alternativa conosciuto come la zona di convergenza intertropicale, gioca un ruolo significativo nel creare le condizioni climatiche necessarie per le foreste pluviali tropicali della Terra.
Circa il 40% - 75% di tutte le specie biotiche sono native delle foreste pluviali. E' stato stimato che ci possono essere molti milioni di specie di piante, insetti e microrganismi ancora da scoprire nelle foreste pluviali tropicali. Le foreste pluviali tropicali sono chiamate i "gioielli della Terra" e la "più grande farmacia del mondo", perché più di un quarto delle medicine naturali sono state scoperte lì. Le foreste pluviali sono anche responsabili per il 28% dell'ossigeno nel mondo, elaborato attraverso la fotosintesi da anidride c…

Aquila arpia (Harpia harpyja)

L'aquila arpia (nome scientifico: Harpia harpyja) è una specie di uccello della famiglia Accipitridae che vive nella zona neotropicale. È l'aquila più grande dell'Emisfero Occidentale e dell'Emisfero Australe, e l'unica specie del genere Harpia. Il suo habitat è il bosco piovoso. Non si riconoscono sottospecie.
L'aquila arpia è l'uccello nazionale del Panama e la specie simbolo della diversità biologica dell'Ecuador. E' chiamata anche aquila coronata, benché tale nome sia dato anche ad altre specie, in particolare alle specie Stephanoaetus coronatus e Harpyhaliaetus coronatus. Il genere Harpia, insieme a Harpyopsis e Morphnus forma la sottofamiglia Harpiinae.
Descrizione
L'aquila arpia è il rapace più potente; le dimensioni medie della femmina dell'arpia sono di 100 cm di larghezza, 200 cm di apertura alare ed un peso di 9 kg. Il maschio ha dimensioni più piccole: fino a 196 cm di apertura alare ed un peso approssimativo di 8 kg. È una delle…

Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume del Sud America. La sua portata media alla foce di 209 000 m3⋅s-1 è di gran lunga la più alta di tutti i fiumi del pianeta ed è equivalente al volume complessivo di sei fiumi che lo seguono immediatamente in ordine di portata. Con i suoi 6437 km, è il fiume più lungo della Terra dopo il Nilo. Il Rio delle Amazzoni è anche il fiume più grande per l'immensità del suo bacino. Drena una superficie di 6,112,000 km² (escluso il fiume Tocantins) o il 40% del Sud America, l'equivalente di una volta e mezzo la zona dell'Unione europea (il fiume Congo secondo fiume per la superficie del suo bacino, ha raggiunto solo i 3,8 milioni di chilometri quadrati).
Il bacino si estende da 5° di latitudine nord a 20° sud. Il fiume ha la sua sorgente nelle Ande, attraversa Perù, Colombia e Brasile, e sfocia nell'Oceano Atlantico all'equatore. La sua rete idrografica comprende oltre 1.000 corsi d'acqua. Il Rio delle Amazzoni da solo forma il 18% del v…

Boa costrittore (Boa constrictor)

Il boa costrittore (nome scientifico: Boa constrictor) è una specie di rettile squamoso della famiglia Boidae. È un boa nativo dell'America, dall'Argentina fino al nord del Messico. Solo la sottospecie Boa constrictor constrictor possiede la fine della sua coda di un colore rossiccio (il boa coda rossa).
Vive in habitat aventi poca quantità di acqua, come deserti e savane, ma può trovarsi anche in boschi umidi e terreni coltivati. È un rettile tanto terrestre quanto arboreo.
Descrizione
Il boa costrittore misura tra 0,5 e 4 m, la lunghezza dipende dalla sottospecie e dal sesso dell'animale, essendo le femmine normalmente più lunghe dei maschi. Il più grande esemplare in cattività è una femmina di 5,5 m di Suriname che si trova nello Zoo di San Diego.


Presenta una caratteristica colorazione che consiste in macchie dai toni rossicci sulla superficie dorsale su uno sfondo che può essere bianco, rosato, marrone o dorato, a seconda della sottospecie o degli incroci creati in ca…