Passa ai contenuti principali

Margay o gatto di Wied (Leopardus wiedii)

Il margay (nome scientifico: Leopardus wiedii) o gatto di Wied è un piccolo felino nativo del Centro e Sud America, che viene indicato come quasi a rischio dalla IUCN dal 2008, perché le popolazioni residue sono in declino a causa della perdita di habitat a seguito della conversione delle foreste. 

Nella sua prima descrizione, Schinz ha chiamato il margay Felis wiedii in onore del principe Massimiliano di Wied-Neuwied che ne ha raccolto i campioni in Brasile. 

Il margay è un felino solitario e notturno. Vive soprattutto nelle foreste sempreverdi e nei boschi di latifoglie. Fino agli anni 1990, i margay sono stati cacciati illegalmente per il commercio della fauna selvatica, che ha provocato una forte diminuzione della popolazione.

Descrizione

Il margay è molto simile all'ocelot nell'aspetto, anche se la testa è un po' più corta, gli occhi più grandi, e la coda e le zampe più lunghe. Pesa da 2,6 a 4 kg, con una lunghezza del corpo da 48 a 79 centimetri e una lunghezza di coda da 33 a 51 centimetri . A differenza di molti altri felini, la femmina possiede solo due mammelle.


Un margay. Foto di Tambako The Jaguar

La pelliccia è marrone e contrassegnata da numerose righe di colore marrone scuro o rosette nere e striature longitudinali. Le parti inferiori sono più pallide, vanno dal giallo-marrone al bianco, e la coda ha numerose bande scure e una punta nera. La parte posteriore delle orecchie è nera con macchie bianche circolari al centro. 

Più in particolare, il margay è uno scalatore molto più abile del suo parente. Considerando che l'ocelot segue principalmente le prede a terra, il margay può spendere tutta la sua vita sugli alberi, saltando e inseguendo uccelli e scimmie attraverso le cime degli alberi. In effetti, è una delle uniche due specie di felino con una flessibilità della caviglia che gli permette di scendere dagli alberi con la testa in avanti (l'altro è il leopardo nebuloso, anche se il poco studiato gatto marmorizzato potrebbe avere questa capacità). E' straordinariamente agile; le sue caviglie possono girare fino a 180 gradi, si può afferrare ai rami altrettanto bene con la sue zampe anteriori e posteriori, ed è in grado di saltare fino a 3,7 m in orizzontale. Il margay è stato osservato appendersi ai rami con una sola zampa. Il suo aspetto è simile all'oncilla, un altro felino neotropicale.

ALTRI FELINI DELL'AMAZZONIA

Distribuzione e habitat 

Il margay è situato a sud del Messico, attraverso l'America centrale e nel nord del Sud America ad est delle Ande. Il bordo meridionale del suo areale raggiunge l'Uruguay e l'Argentina settentrionale. Si trovano quasi esclusivamente in zone di fitta foresta, che vanno dalla foresta tropicale sempreverde alla foresta tropicale secca e alla foresta pluviale alta. I gatti di Wied sono talvolta stati osservati anche nelle piantagioni di caffè e di cacao.

Prove fossili di margay o di felini simili sono state trovate in Florida e Georgia, risalenti al Pleistocene, suggerendo che avessero una più ampia distribuzione in passato.

Dieta

Siccome il gatto di Wied è prevalentemente notturno ed è naturalmente raro nel suo ambiente, la maggior parte degli studi alimentari sono stati basati su contenuto dello stomaco e l'analisi delle feci. Questo felino mangia piccoli mammiferi (a volte anche le scimmie), uccelli, uova, lucertole e rane. Esso può anche mangiare erba e altra vegetazione, molto probabilmente per aiutare la digestione. Un rapporto del 2006 di un margay che inseguiva scoiattoli nel suo ambiente naturale, ha confermato che il margay è in grado di cacciare la sua preda interamente sugli alberi. Tuttavia, il gatto di Wied a volte caccia a terra, e sono stati avvistati mangiare prede terrestri, come ratti e porcellini d'India.

C'è stato un report di un gatto di Wied che utilizzava la mimica uditiva per cercare di attirare una delle sue prede. Un margay è stato osservato imitare la chiamata di un cucciolo di tamarino in presenza di un gruppo di tamarini adulti, che portava gli adulti a cercare il piccolo. Anche se non è riuscito a prendere una delle scimmie, questa è la prima osservazione di un predatore neotropicale che impiega questo tipo di mimetismo.

Comportamento

Anche se i margay sono animali notturni, in alcune zone sono anche stati osservati cacciare durante il giorno. Essi preferiscono trascorrere la maggior parte della loro vita sugli alberi, ma anche muoversi sulla terra, soprattutto quando si spostano tra le zone di caccia. Durante il giorno, riposa in rami relativamente inaccessibili o ciuffi di liane.

Come la maggior parte dei felini, sono solitari e gli adulti si riuniscono solo per accoppiarsi. Essi sono scarsamente distribuiti anche nel loro ambiente naturale, occupando relativamente grandi zone da 11 a 16 chilometri quadrati. Usano marcature odorose per indicare il loro territorio, tra cui l'irrorazione di urina e lasciano segni di graffi sul terreno o sui rami. Le loro vocalizzazioni sembrano essere a corto raggio; non si chiamano tra loro su lunghe distanze.

Riproduzione

Le femmine di margay vanno in estro da quattro a dieci giorni su un ciclo di 32 - 36 giorni, durante i quali attirano i maschi con una lunga chiamata di lamenti. Il maschio risponde emettendo guaiti o trilli, e anche scuotendo rapidamente la testa da parte a parte, un comportamento non visto in qualsiasi altra specie di felino. L'accoppiamento dura fino a sessanta secondi, ed è simile a quello dei gatti domestici; esso si svolge principalmente sugli alberi, e si verifica più volte quando la femmina è in calore.

La gestazione dura circa 80 giorni, e in generale si traduce nella nascita di un singolo gatto (molto raramente, ne sono due) di solito tra marzo e giugno. I gattini pesano da 85 a 170 grammi al momento della nascita. Queste dimensioni sono relativamente grandi per un piccolo felino, e sono probabilmente legate al lungo periodo di gestazione. I gattini aprono gli occhi a circa due settimane di età, e cominciano a prendere il cibo solido a sette-otto settimane.

I margay raggiungono la maturità sessuale a dodici - diciotto mesi di età, e vivono fino a 24 anni in cattività. 

I neonati soffrono di un tasso di mortalità del 50%. Assieme ai problemi dell'allevamento in cattività, questo rende la prospettiva di aumentare la popolazione molto difficile.

Sottospecie

Queste sono le sottospecie attualmente riconosciute:
  • Leopardus wiedii wiedii, in Brasile orientale e centrale, Paraguay, Uruguay, Argentina settentrionale
  • Leopardus amazonicus wiedii, Brasile occidentale, parti interne del Perù, Colombia e Venezuela
  • Leopardus wiedii boliviae, Bolivia
  • Leopardus wiedii cooperi, Messico settentrionale
  • Leopardus glauculus wiedii, Messico centrale
  • Leopardus nicaraguae wiedii, Honduras, Nicaragua, Costa Rica
  • Leopardus oaxacensis wiedii, Messico meridionale
  • Leopardus pirrensis wiedii, Panama, Colombia, Ecuador, Perù
  • Leopardus Salvinius wiedii, Chiapas, Guatemala, El Salvador
  • Leopardus wiedii yucatanicus, Yucatán
LEGGI ANCHE: ANIMALI DELL'AMAZZONIA

Fonte: Margay - Wikipedia (traduzione)

Articoli più letti

La Foresta Amazzonica (o Amazzonia)

La foresta amazzonica, nota anche con il nome di Amazzonia o giungla amazzonica, è una foresta equatoriale situata nel bacino amazzonico in Sud America. Con una superficie di 5,5 milioni di km², ovvero circa dieci volte più della Francia, è la foresta più grande del mondo. La foresta amazzonica copre nove paesi, principalmente il Brasile: quasi i due terzi della sua superficie totale sono in Brasile (63%); il terzo rimanente è condiviso da Perù (13%), Colombia (10%) e, in misura minore, Ecuador, Venezuela, Suriname, Guyana, Bolivia e Guiana francese.

Composta da circa 390 miliardi di alberi e 16.000 specie diverse, la foresta amazzonica è il più grande contenitore di biodiversità nel mondo. Ci sono quasi 60 volte più alberi adulti nella foresta amazzonica che esseri umani in tutto il pianeta.
Questo immenso territorio è minacciato dalla deforestazione: dal 1970, circa il 18% della foresta originaria è scomparso a causa della deforestazione e delle attività umane. Per preservare quest…

La deforestazione in Amazzonia

La deforestazione della foresta amazzonica ha subìto una forte crescita tra il 1991 e il 2004, raggiungendo un tasso di perdita forestale annua di 27,423 km² nel 2004. Anche se il tasso di deforestazione ha avuto un rallentamento a partire dal 2004 (con re-accelerazioni nel 2008 e 2013), la superficie forestale rimanente continua a diminuire.
La foresta amazzonica rappresenta oltre la metà delle foreste pluviali rimanenti nel pianeta, e costituisce il tratto di foresta pluviale tropicale più grande e più ricco di biodiversità nel mondo. Il 60% della foresta è contenuto in Brasile, seguita dal Perù con il 13%, la Colombia con il 10%, e con quantità minori in Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese.
Il settore dell'allevamento nell'Amazzonia brasiliana, incentivato dalle produzioni internazionali di carni bovine e di cuoio, è stato responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e di circa il 14% della deforestazione annua totale n…

Gli Indios dell'Amazzonia: popolazioni indigene

In Amazzonia vivono numerosissime tribù di indigeni, ma molto probabilmente non fu mai abitata prima del 3000 A.C. Oggi, gli indios amazzonici mantengono molte delle loro tradizioni centenarie e dei loro costumi, ma il loro habitat è seriamente minacciato dalla deforestazione e dallo sfruttamento del suolo.
Interazioni tra i diversi gruppi

Ogni gruppo linguistico tende a condividere alcune caratteristiche relative alla tipologia del territorio che occupano, del modo di produzione e del tipo di materialismo culturale. Ad esempio, praticamente tutti i gruppi etnici delle famiglie Arawak, Cariban e Tupi occupano aree di foresta pluviale tropicale, utilizzano ampiamente l'agricoltura e costruiscono canoe, amache e ceramiche. D'altra parte, i gruppi etnici Yê di solito vivono nelle praterie, hanno poca agricoltura e non costruiscono canoe, amache o ceramiche. Tuttavia, essi hanno una organizzazione sociale più complessa. Sparsi tra i villaggi agricoli, nel cuore della giungla, vivo…

Giaguaro (Panthera onca)

Il giaguaro (nome scientifico: Panthera onca) è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi. E' uno dei cinque "grandi felini" del genere Panthera con la tigre, il leone, leopardo e il leopardo delle nevi. La sua specie si estende dal Messico a gran parte dell'America Centrale e del Sud America fino al nord dell'Argentina e al Paraguay.
Descrizione
Questo felino maculato assomiglia fisicamente al leopardo, ma l'aspetto è generalmente più grande e più massiccio. L'habitat e il comportamento, invece, sono più vicini a quelli della tigre. Sebbene la fitta foresta pluviale sia il suo habitat preferito, il giaguaro abita anche in una vasta gamma di aree aperte e boschive. 
E' fortemente associato alla presenza di acqua e, come la tigre, gli piace nuotare. E' un predatore solitario, pur essendo opportunista nella scelta preda. E' anche un superpredatore, che svolge un ruolo importante nella stabilizzazione degli ecosistemi e nella regolazione d…

La Foresta Tropicale (o Foresta Equatoriale)

Le foreste pluviali tropicali, o foreste equatoriali, si trovano in zone di clima tropicale in cui non c'è stagione secca - tutti i mesi hanno una precipitazione media di almeno 60 mm. Raramente si estendono più di 10 gradi a nord o a sud dell'equatore. All'interno della classificazione del World Wildlife Fund, le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta tropicale umida a latifoglie (o foresta umida tropicale) che comprende anche le foreste tropicali stagionali.
La foresta tropicale può essere descritta in due parole: caldo e umido. Le temperature medie mensili sono superiori a 18° C durante tutti i mesi dell'anno. Le precipitazioni medie annue non sono inferiori ai 168 cm e possono superare i 1.000 cm, anche se sono in genere tra 175 e 200 cm. Questo elevato livello di precipitazioni si traduce spesso in terreni poveri a causa della lisciviazione dei nutrienti solubili nel terreno.
La foresta equatoriale presenta elevati livelli di biodiversità. Dal 40% al …

Animali dell'Amazzonia: la fauna

La Foresta Amazzonica è la patria di circa 2,5 milioni di specie di insetti, decine di migliaia di piante e circa 2.000 uccelli e mammiferi. Fino ad oggi, almeno 2.200 pesci, 1.294 uccelli, 427 mammiferi, 428 di anfibi e 378 rettili sono stati scientificamente classificati nell’Amazzonia. Una specie su cinque di uccelli di tutto il mondo vive nelle foreste pluviali dell’Amazzonia, e una su cinque delle specie ittiche vivono nei fiumi e nei torrenti amazzonici. Gli scienziati hanno classificato tra 96,660 e 128,843 specie di invertebrati solo in Brasile. 
Una specie su dieci di animali conosciuti in tutto il mondo vive nella Foresta Amazzonica. Questo fa dell’Amazzonia la più grande collezione di specie animali che vivono nel mondo. Purtroppo, però, a causa dei continui disboscamenti, la fauna di questo meraviglioso luogo è in serio pericolo e molte specie animali sono a rischio estinzione.

LEGGI ANCHE: LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA Uccelli

Nella foresta amazzonica vivono numerosissime…

La Foresta Pluviale

La foresta pluviale è una foresta caratterizzata da elevata piovosità, con precipitazioni annue tra i 250 e i 450 centimetri. Ci sono due tipi di foresta pluviale: la foresta tropicale e la foresta temperata. Il fronte intertropicale, in alternativa conosciuto come la zona di convergenza intertropicale, gioca un ruolo significativo nel creare le condizioni climatiche necessarie per le foreste pluviali tropicali della Terra.
Circa il 40% - 75% di tutte le specie biotiche sono native delle foreste pluviali. E' stato stimato che ci possono essere molti milioni di specie di piante, insetti e microrganismi ancora da scoprire nelle foreste pluviali tropicali. Le foreste pluviali tropicali sono chiamate i "gioielli della Terra" e la "più grande farmacia del mondo", perché più di un quarto delle medicine naturali sono state scoperte lì. Le foreste pluviali sono anche responsabili per il 28% dell'ossigeno nel mondo, elaborato attraverso la fotosintesi da anidride c…

Aquila arpia (Harpia harpyja)

L'aquila arpia (nome scientifico: Harpia harpyja) è una specie di uccello della famiglia Accipitridae che vive nella zona neotropicale. È l'aquila più grande dell'Emisfero Occidentale e dell'Emisfero Australe, e l'unica specie del genere Harpia. Il suo habitat è il bosco piovoso. Non si riconoscono sottospecie.
L'aquila arpia è l'uccello nazionale del Panama e la specie simbolo della diversità biologica dell'Ecuador. E' chiamata anche aquila coronata, benché tale nome sia dato anche ad altre specie, in particolare alle specie Stephanoaetus coronatus e Harpyhaliaetus coronatus. Il genere Harpia, insieme a Harpyopsis e Morphnus forma la sottofamiglia Harpiinae.
Descrizione
L'aquila arpia è il rapace più potente; le dimensioni medie della femmina dell'arpia sono di 100 cm di larghezza, 200 cm di apertura alare ed un peso di 9 kg. Il maschio ha dimensioni più piccole: fino a 196 cm di apertura alare ed un peso approssimativo di 8 kg. È una delle…

Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume del Sud America. La sua portata media alla foce di 209 000 m3⋅s-1 è di gran lunga la più alta di tutti i fiumi del pianeta ed è equivalente al volume complessivo di sei fiumi che lo seguono immediatamente in ordine di portata. Con i suoi 6437 km, è il fiume più lungo della Terra dopo il Nilo. Il Rio delle Amazzoni è anche il fiume più grande per l'immensità del suo bacino. Drena una superficie di 6,112,000 km² (escluso il fiume Tocantins) o il 40% del Sud America, l'equivalente di una volta e mezzo la zona dell'Unione europea (il fiume Congo secondo fiume per la superficie del suo bacino, ha raggiunto solo i 3,8 milioni di chilometri quadrati).
Il bacino si estende da 5° di latitudine nord a 20° sud. Il fiume ha la sua sorgente nelle Ande, attraversa Perù, Colombia e Brasile, e sfocia nell'Oceano Atlantico all'equatore. La sua rete idrografica comprende oltre 1.000 corsi d'acqua. Il Rio delle Amazzoni da solo forma il 18% del v…

Boa costrittore (Boa constrictor)

Il boa costrittore (nome scientifico: Boa constrictor) è una specie di rettile squamoso della famiglia Boidae. È un boa nativo dell'America, dall'Argentina fino al nord del Messico. Solo la sottospecie Boa constrictor constrictor possiede la fine della sua coda di un colore rossiccio (il boa coda rossa).
Vive in habitat aventi poca quantità di acqua, come deserti e savane, ma può trovarsi anche in boschi umidi e terreni coltivati. È un rettile tanto terrestre quanto arboreo.
Descrizione
Il boa costrittore misura tra 0,5 e 4 m, la lunghezza dipende dalla sottospecie e dal sesso dell'animale, essendo le femmine normalmente più lunghe dei maschi. Il più grande esemplare in cattività è una femmina di 5,5 m di Suriname che si trova nello Zoo di San Diego.


Presenta una caratteristica colorazione che consiste in macchie dai toni rossicci sulla superficie dorsale su uno sfondo che può essere bianco, rosato, marrone o dorato, a seconda della sottospecie o degli incroci creati in ca…