Mata mata (Chelus fimbriata)

La mata mata (nome scientifico: Chelus fimbriata), unico rappresentante del genere Chelus, è una specie di tartarughe della famiglia Chelidae.

Si tratta di una tartaruga d'acqua dolce dall'aspetto originale rispetto ad altre specie dell'ordine, che ha suscitato la curiosità di molti scienziati. Abita generalmente in Sud America, tra cui il bacino del Rio delle Amazzoni e il bacino dell'Orinoco.


Descrizione


Morfologia 


Dobbiamo la prima descrizione della mata mata a Barrère nel 1741. Egli descrive in latino come segue:


"Testudo terrestris major putamine echinato et striato".


Siamo in grado di tradurlo come: "Grande tartaruga terrestre striata e scagliosa". Il guscio della mata mata ha colpito Barrère. Ma è tutta la morfologia dell'animale che colpisce l'occhio inesperto. In effetti, è difficile da confondere con un'altra tartaruga quindi presenta caratteristiche uniche:



Una tartaruga mata mata.

- la sua dimensione può essere fino a 45 centimetri in età adulta, che è piuttosto grande per una tartaruga d'acqua dolce;

- il suo peso è di circa 15 chilogrammi in età adulta;
- la coda è piuttosto lunga per una tartaruga d'acqua dolce;
- il suo guscio è composto di tre file di piastre formate come da delle piramidi; è frastagliata, ciò è diverso anche da altre tartarughe; nel bacino amazzonico, la corazza è rettangolare, mentre nel bacino dell'Orinoco, è piuttosto ovale;
- la testa è triangolare e piatta, ricoperta da escrescenze; il muso è lungo e sottile e termina in un piccolo tronco dove si trovano le narici;
- i suoi occhi sono piccoli, situati vicino al naso e si riflettono nella notte, come in molti altri rettili; le sue capacità visive non sono molto elevate
- la bocca è molto ampia e provvista di due barbigli (filamenti che si trovano su ciascun lato);
- il collo è molto lungo, serve a raggiungere la superficie per respirare quando è sott'acqua;
- le zampe sono corte, elastiche, con piccoli artigli e adattate per un habitat fangoso.

Le femmine sono leggermente più grandi e hanno un collo più lungo. Tuttavia, è difficile distinguere un maschio da una femmina, poiché il dimorfismo sessuale non è molto pronunciato.


Colori


La pelle della mata mata varia da un grigio scuro a un marrone molto scuro. Il colore del suo guscio varia tra il colore del caffè e un grigio molto scuro. Per quanto riguarda il suo petto, varia dal biancastro (bacino amazzonico) al rosso scuro (bacino dell'Orinoco).



I giovani sono generalmente più colorati rispetto agli adulti. Sono anche più chiari. Il loro petto e il bordo interno del margine del guscio sono rosa e circondati da bande scure. Il bordo esterno è arancione. In cima alla loro testa, più leggera rispetto agli adulti, ci possono essere tre bande scure. Sul collo, ci sono anche tre bande di colore, questa volta rossastro.

Camuffamento


Queste caratteristiche uniche permettono alla mata mata di confondersi con l'ambiente in cui vive. Il colore e la forma del suo guscio la fanno sembrare come un mucchio di foglie morte o anche legno morto. 


Gli scienziati hanno anche notato che il capo della mata mata somiglia, a causa delle sue escrescenze, alle foglie di una pianta acquatica indigena.



Inoltre, le alghe colonizzano la schiena e accentuano la sua capacità di camuffamento. Infatti la mata mata, quando è sott'acqua, può anche essere confusa con una pietra quando è ferma. Questo camuffamento è una parte importante della facoltà dell'animale di catturare la sua preda, si tratta di un forte vantaggio per la sua sopravvivenza che può spiegare l'originale evoluzione di questo animale rispetto ad altre tartarughe. Questo potrebbe anche spiegare come la mata mata abbia superato le ere.

Etologia 

Comportamento



La mata mata è un animale che si muove poco, in grado di fermo per molte ore. Si avventura di solito solo al fine di deporre le uova.


Altrimenti, rimane in acque poco profonde in cui si può facilmente respirare con il collo estensibile che permette di raggiungere l'aria. Galleggia raramente in superficie, preferendo rimanere sul fondo.


Si tratta di una specie piuttosto docile. Non è incline a mordere e inoltre, non ne è in grado (il suo becco è molto meno sviluppato rispetto alle altre tartarughe).


Infine, la mata mata è una tartaruga estremamente sensibile. Pertanto, rimane un animale piuttosto crepuscolare.

Caccia e alimentazione



La mata mata ha una dieta carnivora. Si nutre di avannotti e girini, o anfibi o pesci quando è adulta. Sull'isola di Trinidad, nel 1972 Kearney ha potuto anche osservare esemplari mangiare crostacei d'acqua dolce e piccoli mammiferi che nuotano nell'acqua. La mata mata potrebbe a volte mangiare piccoli uccelli.


E' una tartaruga di palude che caccia grazie alla sua mimetica. Può trattenere il respiro per lunghe ore, il che aumenta ulteriormente la sua pericolosità per la preda. Il procedimento di cattura è il seguente: la mata mata succhia la sua preda con l'apertura della sua bocca larga e con l'aiuto di un forte movimento di gola. L'operazione richiede circa un cinquantesimo di secondo. Poi lentamente rigetta l'acqua che aveva inghiottito, soffocando la preda catturata. Tuttavia, non avendo il becco di altre tartarughe, non può masticare la sua preda.


Si è potuto osservare alcune mata mata (in cattività) che prima costringono la loro preda in uno spazio ristretto poi il aspirarla. In realtà, l'animale impara il miglior modo per catturare le prede  secondo l'ambiente in cui vive. Si adatta costantemente alle condizioni del suo ambiente.

Riproduzione



Il corteggiamento è difficile da osservare, ma alcuni scienziati sono riusciti ad osservare il comportamento seguente: il maschio scavalca la femmina e la sua testa si estende verso di lei. Apre e chiude la bocca. Le sue zampe si rilassano e permettono movimenti più veloci del solito e anche di riprodursi con una femmina leggermente più grande di lui.


Le uova vengono deposte sugli argini e sono in media da 12 a 20. Hanno un guscio duro che misura 35 - 40 millimetri di diametro. Ci sono diverse deposizioni all'anno, per lo più tra novembre e dicembre. L'incubazione delle uova è in media di duecento giorni ad una temperatura di circa ventotto gradi Celsius (osservazione in un incubatore), in linea con le temperature sudamericane autunnali.


All'età di circa cinque anni, la mata mata diventa sessualmente matura. Nessuna forma di atteggiamento materno è stata osservata nelle mata mata madri. L'aspettativa di vita di un amata mata ruota intorno ai dieci anni e mezzo, mentre in cattività possono raggiungere  età più avanzate (fino a 15 anni).

Cattività



La mata mata è una specie di tartaruga molto popolare e ricercata da zoo di tutto il mondo per molti motivi, tra cui:


- l'aspetto originale;

- il suo stile di vita più sedentario rispetto alla maggior parte delle tartarughe, che le permette di vivere in piccoli recinti.


Si tratta di una specie che richiede molta cura e attenzione: deve vivere in un'area relativamente grande, ma non necessariamente in acque molto profonde. Le condizioni scelte principalmente dagli zoo per allevare le mata mata sono in acque abbastanza profonde da farle immergere completamente, ma non troppo in modo da far loro tenere la testa fuori dall'acqua per respirare. Tronchi di legno, rocce e simili sono inutili per le queste tartarughe.


Esse sono generalmente alimentate con pesciolini. A volte sono alimentate con pesci rossi, ma alcuni esemplari in cattività che sono stati alimentati solo con questo cibo hanno presentato problemi di nutrizione. Lo zoo controlla la qualità complessiva della dieta della futura preda e il suo stato di salute, poiché la mata mata è una specie che richiede estrema attenzione, a causa della sua rarità.


Infatti, a causa della sua attrattività, è una specie che desta grande preoccupazione per gli amanti della natura in tutto il mondo, che vogliono proteggerla dai venditori privati ​​e dai collezionisti di animali.

Distribuzione e habitat


Distribuzione geografica



La tartaruga mata mata è endemica del Sud America. Si trova nel bacino amazzonico in:

- Guyana

- Suriname
- nel nord della Bolivia nei dipartimenti, di Beni, Pando e Santa Cruz
- in Brasile negli stati di Amapá, Amazonas, Goiás, Mato Grosso, Pará, Rondônia, Roraima e Tocantins
- in Colombia orientale nei dipartimenti di Amazonas, Arauca, Caquetá, Casanare, Guainía, Meta, Putumayo, Vaupés e Vichada
- in Perù orientale nelle regioni di Loreto e Ucayali
- in Ecuador orientale
- in Venezuela negli stati di Amazonas, Anzoátegui, Apure, Barinas, Bolívar, Cojedes, Delta Amacuro, Guarico, Monagas, Sucre e Zulia
- sull'isola di Trinidad.

Habitat



La mata mata è una tartaruga d'acqua dolce, che vive in parte nelle acque calde e in parte sulle rive dei vari ambienti dove si è potuta osservare in natura:


- laghi;

- fiumi;
- acqua stagnante (paludi, zone fangose​​...);
- canali di evacuazione delle acque piovane.

Tollera l'acqua salata nel fiume causata dalle maree, anche se preferisce evitare di avventurarsi in estuari.

Minacce e protezione



La mata mata non è molto vittima di predazione animale. Infatti, come ogni tartaruga, in caso di minaccia di qualsiasi predatore, si piega nel suo carapace. Inoltre, il suo aspetto non gli dà un'aria commestibile. Non ha, quindi, nessun vero predatore naturale.


Nemmeno l'uomo è tradizionalmente un suo predatore. In effetti, gli indiani non la consumano, sia ancora una volta, per il suo aspetto ostile, ma anche per la puzza che emana. Ma a causa della sua popolarità, questa tartaruga è raccolta in massa dai collezionisti senza scrupoli. Ciò ha causato l'esaurimento delle mata mata in alcune aree. La sua cattura è diventata illegale nella Guyana francse. Tuttavia, a livello internazionale, ci sono norme specifiche che disciplinano la sua cattura. Tuttavia, pochi possiedono questa tartaruga, data la relativa difficoltà a prendersi cura di lei.

Fonte: Matamata - Wikipédia (traduzione parziale)

Foto di J. Patrick Fischer - Own work, CC BY-SA 3.0