Tamandua settentrionale (Tamandua mexicana)

Il tamandua settentrionale (nome scientifico: Tamandua mexicana) è una specie di Tamandua, un piccolo formichiere della famiglia Myrmecophagidae. Vive nelle foreste tropicali e subtropicali dal Messico meridionale, attraverso l'America Centrale, e sul bordo del nord delle Ande.

Descrizione

Il tamandua settentrionale è un formichiere di medie dimensioni con una coda prensile, gli occhi e orecchie piccoli e un muso lungo. La pelliccia è di colore giallo pallido su gran parte del corpo, con una pelliccia nera su fianchi, schiena e spalle, la cui forma assomiglia un po' ad una maglia. La presenza di questo modello colorazione rende possibile distinguere queste specie dal suo parente del sud, il tamandua meridionale, che ha un colore più uniforme. La coda ha la pelliccia sulla sua superficie superiore per circa un terzo della sua lunghezza. Le zampe posteriori hanno cinque dita, mentre le zampe anteriori ne hanno solo quattro.

Un tamandua settentrionale.

Maschi e femmine sono simili per dimensioni e colore, e vanno da 102 a 130 centimetri di lunghezza totale, tra i 40 a 68 centimetri di coda. Gli adulti pesano tra 3,2 e 5,4 chilogrammi.

Come altri formichieri, il tamandua settentrionale è altamente adattato alla sua dieta inusuale. La lingua è lunga, estensibile, e coperta di saliva appiccicosa in grado di raccogliere le formiche e le termiti. Ha dei muscoli insolitamente ben sviluppati, collegati ad un grande osso ioide e radicati all'inizio dello sterno. L'intera cavità orale è modificata per accogliere tale lingua, la quale è così lunga che la parte posteriore del palato molle è a livello con la quinta vertebra cervicale vicino alla base del collo, piuttosto che nella parte superiore della faringe, come nella maggior parte degli altri mammiferi. I muscoli della mascella e della mandibola sono ridotti, e il secondo è particolarmente fragile. Come altri formichieri, il tamandua settentrionale non ha denti.

In aggiunta alla sua dieta e, a differenza del formichiere gigante, il tamandua settentrionale è anche adattato a uno stile di vita arborea. I muscoli delle dita e la presenza di un cuscinetto duro sui palmi rende prensili le zampe anteriori, consentendo loro l'aderenza mentre sale. Il dito medio delle zampe anteriori ha anche un artiglio insolitamente grande, e la punta del dito ha abbastanza muscoli per consentirgli di strappare il legno e aprirlo per arrivare alle formiche all'interno.


Distribuzione e habitat

Il tamandua settentrionale abita le foreste del Messico meridionale, l'America centrale in Colombia occidentale, in Venezuela e in Ecuador, e l'angolo nord-occidentale del Perù. E' stato avvistato in vari tipi di bosco all'interno di questa regione, tra cui sempreverdi, a foglie decidue, paludi di mangrovie, foreste pluviali, e foresta secondaria. Quattro sottospecie di Tamandua mexicana sono attualmente riconosciute: 

T. m. mexicana - Messico, Guatemala, Belize, Honduras, El Salvador
T. m. instabilis - Venezuela, Colombia settentrionale
T. m. opistholeuca - Nicaragua, Costa Rica, Panama, la maggior parte della Colombia
T. m. punensis - Ecuador, Perù.

Comportamento

I tamandua settentrionali sono prevalentemente notturni, ma sono anche spesso attivi durante il giorno, e spendono solo circa il 40% del loro tempo sugli alberi. Essi sono attivi per circa otto ore al giorno, passano il resto del tempo al riparo in alberi cavi. Sono animali solitari, occupando tra i 25 e i 70 ettar. I loro predatori più noti includono giaguari e arpie.

La loro dieta sussiste quasi interamente di formiche e termiti, anche se sono state osservate mangiare piccole quantità di frutta. Preferiscono insetti relativamente grandi, più di 4 mm di lunghezza, tra cui Camponotus, Azteca, Crematogaster e Nasutitermes, tra gli altri. Essi possono mangiare fino a 9.000 insetti al giorno, da 50 a 80 diverse tane, che individuano dall'odore e poi scavano con i loro potenti artigli. Estraggono le formiche con la loro lunga e stretta lingua appiccicosa, ma sembrano fare pochi danni permanenti ai nidi.

I formichieri possono comunicare tra di loro, lasciando segnali odorosi con le loro ghiandole odorifere anali. Anche se i cuccioli emettono molti suoni, gli adulti raramente lo fanno. Se provocato, il tamandua settentrionale si può sostenere sulle zampe posteriori usando la coda come supporto su un albero o una roccia, e scatenarsi con i loro artigli.

Riproduzione

Nessuna stagione riproduttiva sembra esservi per i tamandua del nord, le femmine sembrano essere in grado di entrare in estro in qualsiasi periodo dell'anno. I maschi individuano le femmine fertili grazie all'odore, e le corteggiano annusandole ripetutamente e colpendo con i loro artigli. Alla fine, usano i loro forti arti anteriori e le code per tenere ferme le femmine, mentre si accoppiano.

La gestazione dura da 130 a 190 giorni e si traduce nella nascita di un unico figlio. Il giovane formichiere inizialmente si rifugia in un nido in un albero cavo, ma in seguito si muove aggrappato alla schiena della madre. Il giovane lascia la madre a circa un anno di età. 

I tamandua del nord vivono fino a 9,5 anni in cattività.

Fonte: Northern tamandua - Wikipedia (traduzione)
Foto di José R. - Own work, CC BY 3.0