Passa ai contenuti principali

La Foresta Pluviale

La foresta pluviale è una foresta caratterizzata da elevata piovosità, con precipitazioni annue tra i 250 e i 450 centimetri. Ci sono due tipi di foresta pluviale: la foresta tropicale e la foresta temperata. Il fronte intertropicale, in alternativa conosciuto come la zona di convergenza intertropicale, gioca un ruolo significativo nel creare le condizioni climatiche necessarie per le foreste pluviali tropicali della Terra.

Circa il 40% - 75% di tutte le specie biotiche sono native delle foreste pluviali. E' stato stimato che ci possono essere molti milioni di specie di piante, insetti e microrganismi ancora da scoprire nelle foreste pluviali tropicali. Le foreste pluviali tropicali sono chiamate i "gioielli della Terra" e la "più grande farmacia del mondo", perché più di un quarto delle medicine naturali sono state scoperte lì. Le foreste pluviali sono anche responsabili per il 28% dell'ossigeno nel mondo, elaborato attraverso la fotosintesi da anidride carbonica e il consumo attraverso la respirazione.

Il sottobosco in alcune aree della foresta pluviale può essere limitato dalla scarsa penetrazione della luce solare a livello del suolo. Il termine "giungla" è talvolta attribuito alle foreste pluviali tropicali in generale.


Una foresta pluviale.

Le foreste tropicali

Molte delle foreste tropicali del mondo sono associate con la posizione del fronte intertropicale, conosciuto anche come la zona di convergenza intertropicale. La categoria più ampia di foreste umide tropicali si trova nella zona equatoriale tra il Tropico del Cancro e il Tropico del Capricorno. Le foreste pluviali tropicali si trovano nel sud-est asiatico - dal Myanmar (Birmania) nelle Filippine, Malesia, Indonesia, Papua Nuova Guinea, Sri Lanka, Africa sub-sahariana dal Camerun al Congo, Sud America (ad esempio, la foresta amazzonica), America centrale (ad esempio Bosawás, nel sud della Penisola dello Yucatan-El Peten-Belize-Calakmul), in Australia, e su molte delle isole del Pacifico (come le Hawaii). Le foreste tropicali sono chiamate i "polmoni della Terra".


Foreste pluviali tropicali nel mondo.
Immagine di Peel, M. C., Finlayson, B. L., and McMahon, T. A.(University of Melbourne)

Le foreste temperate

Le foreste tropicali coprono una gran parte del globo, mentre le foreste pluviali temperate si trovano solo in poche regioni del mondo. Le foreste pluviali temperate sono foreste pluviali che si trovano nelle regioni temperate. Esse si trovano in Nord America (a nord-ovest del Pacifico in Alaska, Colombia, Washington, Oregon e California), in Europa (parti delle isole britanniche, come le zone costiere di Irlanda e Scozia, Norvegia meridionale, parti dei Balcani occidentali lungo la costa adriatica, così come in Galizia e nelle zone costiere del Mar nero orientale, tra la Georgia e la costiera della Turchia), in Asia orientale (nel sud della Cina, in Taiwan, in gran parte del Giappone e la Corea, e su Sakhalin e l'adiacente Estremo Oriente della costa russa), in Sud America (Cile meridionale) e anche in Australia e Nuova Zelanda.


Foreste pluviali temperate nel mondo.
Immagine di McMahon, T. A.(University of Melbourne)

Strati

Una foresta tropicale in genere ha un numero di strati, ognuno con diverse piante e animali adattati alla vita in quella particolare area. Gli esempi includono lo strato emergente, canopia, sottobosco e suolo.
  • Strato emergente
Lo strato emergente contiene un piccolo numero di grandi alberi chiamati emergenti, che crescono sopra la chioma generale, raggiungendo altezze di 45-55 m, anche se a volte alcune specie crescono fino a 70-80 m. Essi devono essere in grado di resistere alle alte temperature e forti venti che si verificano in alcune aree. Aquile, farfalle, pipistrelli e certe scimmie abitano questo strato.
  • Canopia
Lo strato della canopia (o volta) contiene la maggior parte degli alberi più grandi, in genere da 30 metri a 45 metri di altezza. Le zone più dense di biodiversità si trovano nella volta della foresta, una copertura più o meno continua di fogliame formata dalle cime degli alberi adiacenti. La canopia, secondo alcune stime, ospita il 50 per cento di tutte le specie vegetali. Le piante epifite si uniscono ai tronchi e rami, e ottengono acqua e minerali dalla pioggia e dai detriti che raccolgono dalle piante di supporto. La fauna è simile a quella che si trova nello strato emergente, ma più diversificata. 

Un quarto di tutte le specie di insetti si ritiene esistere nella volta della foresta pluviale. Gli scienziati hanno a lungo sospettato la ricchezza della chioma come habitat, ma hanno solo di recente messo a punto metodi pratici per esplorarla. Già nel 1917, il naturalista Beebe ha dichiarato che "un altro continente della vita rimane da scoprire, non sulla Terra, ma da uno a duecento piedi sopra di esso, che si estende per migliaia di miglia quadrate." La vera esplorazione di questo habitat è iniziata solo nel 1980, quando gli scienziati hanno sviluppato metodi per raggiungere la canopia, come le corde sparate sugli alberi con le balestre. L'esplorazione della volta è ancora agli inizi, ma altri metodi includono l'uso di palloni e dirigibili che galleggiano sopra i rami più alti e la costruzione di gru e passerelle piantate sul suolo della foresta.
  • Sottobosco 
Lo strato di sottobosco si trova tra la canopia e il suolo della foresta. E' sede di un certo numero di uccelli, serpenti e lucertole, così come predatori come giaguari, boa costrittori e leopardi. Le foglie sono molto più grandi in questo livello e gli insetti sono abbondanti. Molte piante che crescono al livello della volta sono presenti nel sottobosco. Solo circa il 5% della luce del sole che splende sulla foresta pluviale raggiunge il sottobosco. Questo strato può essere chiamato pure strato arbustivo, anche se lo strato arbustivo può essere considerato un livello separato.
  • Suolo
Il suolo della foresta, il livello più in basso, riceve solo il 2% della luce solare. Solo piante adattate a condizioni di scarsa luminosità possono crescere in questa regione. Lontano da argini, paludi e radure, dove si trova il fitto sottobosco, il suolo della foresta è relativamente privo di vegetazione a causa della bassa penetrazione della luce del sole. Esso contiene inoltre materiale animale e vegetale in decomposizione, che scompare rapidamente, perché il caldo e le condizioni di umidità favoriscono una rapida decomposizione. Molte forme di funghi che crescono qui aiutano la decomposizione dei rifiuti di origine animale e vegetale.

Flora e fauna

Più della metà delle specie del mondo di piante e animali si trovano nella foresta pluviale. Le foreste pluviali supportano una vasta gamma di fauna, tra cui mammiferi, rettili, uccelli e invertebrati. I mammiferi possono comprendere primati, felini e altre famiglie. I rettili sono serpenti, tartarughe, camaleonti e altre specie; mentre gli uccelli includono famiglie come passeri e cuculi. Decine di famiglie di invertebrati si trovano nelle foreste pluviali. I funghi sono molto comuni nelle aree della foresta pluviale in quanto possono nutrirsi dei resti in decomposizione di piante e animali. Molte specie che vivono nella foresta pluviale stanno rapidamente scomparendo a causa della deforestazione, della perdita di habitat e dell'inquinamento dell'atmosfera.

Qualità del suolo

Nonostante la crescita della vegetazione in una foresta pluviale tropicale, la qualità del suolo è spesso molto scarsa. La rapida decomposizione batterica impedisce l'accumulo di humus. La maggior parte degli alberi hanno radici vicino alla superficie, perché ci sono sufficienti elementi nutritivi sotto la superficie; la maggior parte dei minerali degli alberi provengono dallo strato superiore grazie alla decomposizione di foglie e materie animali. Sui substrati più giovani, in particolare di origine vulcanica, i suoli tropicali possono essere molto fertili. Se gli alberi della foresta pluviale scompaiono, la pioggia si accumula sul terreno e inizia un processo di erosione del suolo. Alla fine si formano torrenti e fiumi e le inondazioni diventano possibili.

Effetti sul clima globale

Una foresta pluviale naturale emette e assorbe grandi quantità di biossido di carbonio. Su scala globale, i flussi a lungo termine sono più o meno in equilibrio, in modo che un foresta indisturbata possa avere un piccolo impatto netto sui livelli atmosferici di biossido di carbonio, anche se si possono avere altri effetti climatici (formazione di nubi e di vapore acqueo, per esempio). Ma la foresta pluviale oggi non può essere considerata indisturbata. Il disboscamento causato dall'uomo gioca un ruolo significativo nel causare il rilascio di anidride carbonica da parte delle foreste pluviali, così come altri fattori, sia indotti dall'uomo o naturali, che danno luogo alla morte degli alberi, come il caldo e la siccità. Alcuni modelli climatici prevedono una grande perdita di foresta pluviale amazzonica intorno al 2050 a causa della siccità, al deperimento delle foreste e il successivo rilascio di maggiore anidride carbonica.

Utilizzi da parte dell'uomo

Le foreste pluviali tropicali forniscono legname e prodotti di origine animale come carne e pelli. Le foreste pluviali sono anche destinazioni turistiche. Molti alimenti originariamente provenienti da foreste tropicali, sono ancora in gran parte coltivati nelle piantagioni in regioni che precedentemente erano foreste primarie. Inoltre, i farmaci di origine vegetale sono comunemente usati per la febbre, infezioni fungine, ustioni, problemi gastrointestinali, dolori, problemi respiratori, e per il trattamento delle ferite.

I popoli indigeni

Il 18 gennaio 2007, il FUNAI ha riferito di aver confermato la presenza di 67 diverse tribù incontattate del Brasile, contro i 40 del 2005. Con questa aggiunta, il Brasile ha ormai superato l'isola di Nuova Guinea, come il paese con il maggior numero di tribù incontattate. La provincia di Irian Jaya e la Papua Occidentale nell'isola della Nuova Guinea è la patria di una stima di 44 gruppi tribali incontattati. Le tribù sono in pericolo a causa della deforestazione, in particolare in Brasile.

La foresta pluviale dell'Africa centrale è la casa dei pigmei Mbuti, uno dei popoli di cacciatori-raccoglitori che vivono nelle foreste pluviali equatoriali e caratterizzati da bassa statura (sotto il metro e mezzo, in media). Essi sono stati oggetto di uno studio condotto da Colin Turnbull, nel 1962. I Pigmei che vivono in sud-est asiatico sono, tra gli altri, denominato "Negrito".

LEGGI ANCHE: I POPOLI INDIGENI DELL'AMAZZONIA

La deforestazione

Le foreste pluviali tropicali e temperate sono state sottoposte, per tutto il 20° secolo, a numerose autorizzazioni agricole e l'area coperta dalle foreste pluviali di tutto il mondo si sta restringendo. I biologi hanno stimato che un gran numero di specie sono state portate all'estinzione (probabilmente più di 50.000 all'anno; a quel tasso, dice E. O. Wilson dell'Università di Harvard, un quarto o più di tutte le specie sulla Terra potrebbe essere sterminato entro 50 anni) a causa della rimozione di habitat con la distruzione delle foreste.

Un altro fattore che causa la perdita della foresta pluviale è l'espansione delle aree urbane. La foresta pluviale litorale che cresce lungo le zone costiere dell'Australia orientale, è ormai rara a causa dello sviluppo delle strade per accogliere le modificazioni degli stili di vita.

Le foreste vengono distrutte ad un ritmo rapido. Quasi il 90% delle foreste pluviali dell'Africa occidentale è stato distrutto. Con l'arrivo degli esseri umani, il Madagascar ha perso due terzi della sua foresta pluviale originaria. Al ritmo attuale, le foreste pluviali tropicali in Indonesia spariranno in 10 anni e in Papua Nuova Guinea da 13 a 16 anni. Secondo Rainforest Rescue, una delle ragioni principali del tasso di deforestazione crescente soprattutto in Indonesia è l'espansione delle piantagioni da olio di palma per soddisfare la crescente domanda di grassi vegetali a basso costo e biocarburanti. In Indonesia, l'olio di palma è già coltivato su nove milioni di ettari e, insieme con la Malesia, l'isola produce circa l'85 per cento di olio di palma del mondo.

Diversi paesi, in particolare il Brasile, hanno dichiarato che la deforestazione è una emergenza nazionale. La deforestazione è salita del 69% nel 2008 rispetto al 2007, secondo i dati ufficiali del governo. La deforestazione potrebbe spazzare via o danneggiare gravemente quasi il 60% della foresta amazzonica entro il 2030, dice un rapporto del 2007 dal WWF.

Tuttavia, un articolo del 30 gennaio 2009 del New York Times ha dichiarato: "Secondo una stima, per ogni acro di foresta pluviale abbattuto ogni anno, più di 50 acri di nuove foreste stanno crescendo nei tropici". Tali nuove foreste includono la foresta secondaria su ex terreni agricoli e la cosiddetta foresta degradata.

LEGGI ANCHE: LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA

Fonte: Rainforest - Wikipedia (traduzione parziale)

Articoli più letti

La Foresta Amazzonica (o Amazzonia)

La foresta amazzonica, nota anche con il nome di Amazzonia o giungla amazzonica, è una foresta equatoriale situata nel bacino amazzonico in Sud America. Con una superficie di 5,5 milioni di km², ovvero circa dieci volte più della Francia, è la foresta più grande del mondo. La foresta amazzonica copre nove paesi, principalmente il Brasile: quasi i due terzi della sua superficie totale sono in Brasile (63%); il terzo rimanente è condiviso da Perù (13%), Colombia (10%) e, in misura minore, Ecuador, Venezuela, Suriname, Guyana, Bolivia e Guiana francese.

Composta da circa 390 miliardi di alberi e 16.000 specie diverse, la foresta amazzonica è il più grande contenitore di biodiversità nel mondo. Ci sono quasi 60 volte più alberi adulti nella foresta amazzonica che esseri umani in tutto il pianeta.
Questo immenso territorio è minacciato dalla deforestazione: dal 1970, circa il 18% della foresta originaria è scomparso a causa della deforestazione e delle attività umane. Per preservare quest…

La deforestazione in Amazzonia

La deforestazione della foresta amazzonica ha subìto una forte crescita tra il 1991 e il 2004, raggiungendo un tasso di perdita forestale annua di 27,423 km² nel 2004. Anche se il tasso di deforestazione ha avuto un rallentamento a partire dal 2004 (con re-accelerazioni nel 2008 e 2013), la superficie forestale rimanente continua a diminuire.
La foresta amazzonica rappresenta oltre la metà delle foreste pluviali rimanenti nel pianeta, e costituisce il tratto di foresta pluviale tropicale più grande e più ricco di biodiversità nel mondo. Il 60% della foresta è contenuto in Brasile, seguita dal Perù con il 13%, la Colombia con il 10%, e con quantità minori in Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese.
Il settore dell'allevamento nell'Amazzonia brasiliana, incentivato dalle produzioni internazionali di carni bovine e di cuoio, è stato responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e di circa il 14% della deforestazione annua totale n…

Gli Indios dell'Amazzonia: popolazioni indigene

In Amazzonia vivono numerosissime tribù di indigeni, ma molto probabilmente non fu mai abitata prima del 3000 A.C. Oggi, gli indios amazzonici mantengono molte delle loro tradizioni centenarie e dei loro costumi, ma il loro habitat è seriamente minacciato dalla deforestazione e dallo sfruttamento del suolo.
Interazioni tra i diversi gruppi

Ogni gruppo linguistico tende a condividere alcune caratteristiche relative alla tipologia del territorio che occupano, del modo di produzione e del tipo di materialismo culturale. Ad esempio, praticamente tutti i gruppi etnici delle famiglie Arawak, Cariban e Tupi occupano aree di foresta pluviale tropicale, utilizzano ampiamente l'agricoltura e costruiscono canoe, amache e ceramiche. D'altra parte, i gruppi etnici Yê di solito vivono nelle praterie, hanno poca agricoltura e non costruiscono canoe, amache o ceramiche. Tuttavia, essi hanno una organizzazione sociale più complessa. Sparsi tra i villaggi agricoli, nel cuore della giungla, vivo…

Giaguaro (Panthera onca)

Il giaguaro (nome scientifico: Panthera onca) è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi. E' uno dei cinque "grandi felini" del genere Panthera con la tigre, il leone, leopardo e il leopardo delle nevi. La sua specie si estende dal Messico a gran parte dell'America Centrale e del Sud America fino al nord dell'Argentina e al Paraguay.
Descrizione
Questo felino maculato assomiglia fisicamente al leopardo, ma l'aspetto è generalmente più grande e più massiccio. L'habitat e il comportamento, invece, sono più vicini a quelli della tigre. Sebbene la fitta foresta pluviale sia il suo habitat preferito, il giaguaro abita anche in una vasta gamma di aree aperte e boschive. 
E' fortemente associato alla presenza di acqua e, come la tigre, gli piace nuotare. E' un predatore solitario, pur essendo opportunista nella scelta preda. E' anche un superpredatore, che svolge un ruolo importante nella stabilizzazione degli ecosistemi e nella regolazione d…

La Foresta Tropicale (o Foresta Equatoriale)

Le foreste pluviali tropicali, o foreste equatoriali, si trovano in zone di clima tropicale in cui non c'è stagione secca - tutti i mesi hanno una precipitazione media di almeno 60 mm. Raramente si estendono più di 10 gradi a nord o a sud dell'equatore. All'interno della classificazione del World Wildlife Fund, le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta tropicale umida a latifoglie (o foresta umida tropicale) che comprende anche le foreste tropicali stagionali.
La foresta tropicale può essere descritta in due parole: caldo e umido. Le temperature medie mensili sono superiori a 18° C durante tutti i mesi dell'anno. Le precipitazioni medie annue non sono inferiori ai 168 cm e possono superare i 1.000 cm, anche se sono in genere tra 175 e 200 cm. Questo elevato livello di precipitazioni si traduce spesso in terreni poveri a causa della lisciviazione dei nutrienti solubili nel terreno.
La foresta equatoriale presenta elevati livelli di biodiversità. Dal 40% al …

Animali dell'Amazzonia: la fauna

La Foresta Amazzonica è la patria di circa 2,5 milioni di specie di insetti, decine di migliaia di piante e circa 2.000 uccelli e mammiferi. Fino ad oggi, almeno 2.200 pesci, 1.294 uccelli, 427 mammiferi, 428 di anfibi e 378 rettili sono stati scientificamente classificati nell’Amazzonia. Una specie su cinque di uccelli di tutto il mondo vive nelle foreste pluviali dell’Amazzonia, e una su cinque delle specie ittiche vivono nei fiumi e nei torrenti amazzonici. Gli scienziati hanno classificato tra 96,660 e 128,843 specie di invertebrati solo in Brasile. 
Una specie su dieci di animali conosciuti in tutto il mondo vive nella Foresta Amazzonica. Questo fa dell’Amazzonia la più grande collezione di specie animali che vivono nel mondo. Purtroppo, però, a causa dei continui disboscamenti, la fauna di questo meraviglioso luogo è in serio pericolo e molte specie animali sono a rischio estinzione.

LEGGI ANCHE: LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA Uccelli

Nella foresta amazzonica vivono numerosissime…

Aquila arpia (Harpia harpyja)

L'aquila arpia (nome scientifico: Harpia harpyja) è una specie di uccello della famiglia Accipitridae che vive nella zona neotropicale. È l'aquila più grande dell'Emisfero Occidentale e dell'Emisfero Australe, e l'unica specie del genere Harpia. Il suo habitat è il bosco piovoso. Non si riconoscono sottospecie.
L'aquila arpia è l'uccello nazionale del Panama e la specie simbolo della diversità biologica dell'Ecuador. E' chiamata anche aquila coronata, benché tale nome sia dato anche ad altre specie, in particolare alle specie Stephanoaetus coronatus e Harpyhaliaetus coronatus. Il genere Harpia, insieme a Harpyopsis e Morphnus forma la sottofamiglia Harpiinae.
Descrizione
L'aquila arpia è il rapace più potente; le dimensioni medie della femmina dell'arpia sono di 100 cm di larghezza, 200 cm di apertura alare ed un peso di 9 kg. Il maschio ha dimensioni più piccole: fino a 196 cm di apertura alare ed un peso approssimativo di 8 kg. È una delle…

Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume del Sud America. La sua portata media alla foce di 209 000 m3⋅s-1 è di gran lunga la più alta di tutti i fiumi del pianeta ed è equivalente al volume complessivo di sei fiumi che lo seguono immediatamente in ordine di portata. Con i suoi 6437 km, è il fiume più lungo della Terra dopo il Nilo. Il Rio delle Amazzoni è anche il fiume più grande per l'immensità del suo bacino. Drena una superficie di 6,112,000 km² (escluso il fiume Tocantins) o il 40% del Sud America, l'equivalente di una volta e mezzo la zona dell'Unione europea (il fiume Congo secondo fiume per la superficie del suo bacino, ha raggiunto solo i 3,8 milioni di chilometri quadrati).
Il bacino si estende da 5° di latitudine nord a 20° sud. Il fiume ha la sua sorgente nelle Ande, attraversa Perù, Colombia e Brasile, e sfocia nell'Oceano Atlantico all'equatore. La sua rete idrografica comprende oltre 1.000 corsi d'acqua. Il Rio delle Amazzoni da solo forma il 18% del v…

Boa costrittore (Boa constrictor)

Il boa costrittore (nome scientifico: Boa constrictor) è una specie di rettile squamoso della famiglia Boidae. È un boa nativo dell'America, dall'Argentina fino al nord del Messico. Solo la sottospecie Boa constrictor constrictor possiede la fine della sua coda di un colore rossiccio (il boa coda rossa).
Vive in habitat aventi poca quantità di acqua, come deserti e savane, ma può trovarsi anche in boschi umidi e terreni coltivati. È un rettile tanto terrestre quanto arboreo.
Descrizione
Il boa costrittore misura tra 0,5 e 4 m, la lunghezza dipende dalla sottospecie e dal sesso dell'animale, essendo le femmine normalmente più lunghe dei maschi. Il più grande esemplare in cattività è una femmina di 5,5 m di Suriname che si trova nello Zoo di San Diego.


Presenta una caratteristica colorazione che consiste in macchie dai toni rossicci sulla superficie dorsale su uno sfondo che può essere bianco, rosato, marrone o dorato, a seconda della sottospecie o degli incroci creati in ca…