Gli Indios dell'Amazzonia:popolazioni indigene

In Amazzonia vivono numerosissime tribù di indigeni, ma molto probabilmente non fu mai abitata prima del 3000 A.C. Oggi, gli indios amazzonici mantengono molte delle loro tradizioni centenarie e dei loro costumi, ma il loro habitat è seriamente minacciato dalla deforestazione e dallo sfruttamento del suolo.



Interazioni tra i diversi gruppi

Ogni gruppo linguistico tende a condividere alcune caratteristiche relative alla tipologia del territorio che occupano, del modo di produzione e del tipo di materialismo culturale. Ad esempio, praticamente tutti i gruppi etnici delle famiglie Arawak, Cariban e Tupi occupano aree di foresta pluviale tropicale, utilizzano ampiamente l'agricoltura e costruiscono canoe, amache e ceramiche. D'altra parte, i gruppi etnici Yê di solito vivono nelle praterie, hanno poca agricoltura e non costruiscono canoe, amache o ceramiche. Tuttavia, essi hanno una organizzazione sociale più complessa. Sparsi tra i villaggi agricoli, nel cuore della giungla, vivono cacciatori-raccoglitori che appartengono a famiglie linguistiche minori, come le famiglie Nadahup, Pirahã e Guajiboan, più o meno i discendenti diretti dei primi cacciatori-raccoglitori.

Alcuni gruppi, in particolare quelli che si basano sull'agricoltura, sono particolarmente aggressivi e inclini ad attaccare i loro vicini. Tuttavia, esistono relazioni simbiotiche tra diversi gruppi: ad esempio i Tucanoans, che si basano sull'agricoltura, commerciano con i Nadahup, che sono cacciatori-raccoglitori. Questi ultimi forniscono carne animale dalla selva e veleno ottenuto da pesce, e in cambio ricevono farina di tapioca dalle piantagioni Tucanoan, così come la ceramica. Così, i Nadahup sono considerati "inferiori" dai Tucanoans e non sono considerati nel matrimonio interetnico come i Tucanoans fanno con altri gruppi etnici.



Una bambina della tribù Terena.

Le invasioni europee

Gli europei invasero la regione nel 16° secolo, prendendo rapidamente il controllo delle zone costiere e dei fiumi principali, per quanto fossero navigabili. La popolazione indigena ha cominciato a diminuire drasticamente intorno al 1900; si stima che la popolazione era solo un decimo di quella che era stata nel 1500 (stimata tra 2 e 5 milioni). La maggior parte di questa perdita di vite umane è stata involontaria, a causa di malattie europee di cui la popolazione amazzonica nativa non era immune. Gli europei hanno anche usato gli indios dell'Amazzonia come schiavi. Ci sono prove storiche di europei che navigarono a monte dalla foce del Rio delle Amazzoni, catturarono intere tribù e le trasportano a valle nelle piantagioni dove lavorarono in condizioni difficili, morendo in pochi anni. Gli europei, a causa delle loro armi, erano in grado di prendere qualunque pezzo di terra volessero. In precedenza, le incursioni dei coloni furono motivate ​​dalle prese di possesso di risorse come la gomma o alcuni minerali, che spesso sono state precedute da azioni violente contro gli indigeni amazzonici.



Linguaggi


L'Amazzonia è abitata da società che hanno in comune molti tratti culturali, ma le cui lingue sono caratterizzate da una grande diversità. Ci sono circa 330 lingue esistenti in Amazzonia, quasi la metà delle quali hanno meno di 500 persone che le parlano. Nel frattempo, solo  la lingua Guajiro è parlata da molte persone (circa 300.000). 


Delle 330 lingue, una cinquantina sono lingue isolate, mentre le restanti appartengono a circa 25 famiglie di lingue diverse. E' questa distribuzione di tante piccole lingue, storicamente non correlate tra loro, che fa dell'Amazzonia una delle regioni più ricche di lingue al mondo. Le ragioni precise per questa insolita diversità non sono ancora state definitivamente determinate, ma è degno di nota che le lingue amazzoniche sembrano aver avuto meno di 10.000 persone che le parlavano prima dell'invasione dei coloni europei sulle società in cui erano pronunciate. 


Nonostante la diversità su larga scala, il contatto a lungo termine tra molti dei linguaggi dell'Amazzonia ha creato somiglianze tra molte lingue confinanti che non sono geneticamente correlate tra loro. Le piccole tribù parlano anche l'inglese, che viene utilizzato come una delle loro lingue secondarie.


Delle 25 famiglie linguistiche di cui sopra, le seguenti sei sono quelli principali:


- Tupian: composta da 70-80 lingue. Le lingue appartenenti al più grande sottogruppo, tupi-guarani, vengono parlate in quasi tutta la metà settentrionale del Sud America.

- Macro-Jê: composta da 30-40 lingue parlate, in gran parte nel sud-est della regione, con alcuni valori anomali più vicino al bacino. Queste lingue hanno molte vocali e poche consonanti.
- Cariban: composta da 40-50 lingue. Per lo più si trovano nell'estremo nord del Sud America, con alcuni valori anomali più vicino al bacino.
- Arawakan: composta da 70-80 lingue. Esse si raggruppano nel sud, ovest e nord-ovest della regione.
- Pano: composta da 30-40 lingue, soprattutto nel sud e sud-ovest della regione.
- Tukanoan: composta da 20-30 lingue, che sono prevalentemente parlate nella metà meridionale della Colombia.

Il multilinguismo era (ed è) la norma tra gli indios dell'Amazzonia. Infatti, il valore che molti abitanti dell'Amazzonia assegnano al multilinguismo a volte è visto come la causa della longevità della diversità linguistica nella regione.


Alimentazione


La maggior parte del bacino del Rio delle Amazzoni e dell'Orinoco è formata dalla foresta tropicale di pianura, ricca di vegetali commestibili e di animali. Gli archeologi stimano che questo territorio è popolato da meno di 12.000 anni. L'intera popolazione della zona sarebbe arrivata solo un paio di millenni fa. 


La principale fonte di proteine degli indios dell'Amazzonia ​​è il pesce, completata dalla caccia di pecari, tapiri, roditori e scimmie. La coltivazione di piante, in un primo momento concentrata solo sulla manioca, risale a 5.000 anni fa. L'espansione agricola, con la sua versione del taglia e brucia, è iniziata sulle montagne delle Ande occidentali ed è stata portata sulla maggior parte dei principali fiumi in Amazzonia. Le società di cacciatori-raccoglitori si sono spinte nelle zone più inaccessibili.

Tribù


Le tribù di indios esistenti in Amazzonia sono numerosissime; alcune di queste sono:


Tupi


I Tupi erano una delle più importanti popolazioni indigene del Brasile. Gli studiosi ritengono che inizialmente si stabilirono nella foresta amazzonica, ma 2.900 anni fa hanno iniziato a diffondersi verso sud ed hanno gradualmente occupato la costa atlantica.

Il Tupi erano divisi in diverse tribù costantemente in guerra tra loro. In queste guerre, i Tupi cercavano di catturare i loro nemici per ucciderli successivamente nei rituali di cannibalismo. I guerrieri catturati da altre tribù Tupi venivano mangiati perché credevano che tale atto avrebbe portato ad assorbire e digerire la loro forza: quindi, nel timore di assorbire la debolezza, sceglievano di sacrificare solo guerrieri noti per essere forti e coraggiosi. Per i guerrieri Tupi, anche quando prigionieri, era un grande onore morire valorosamente durante la battaglia o morire durante i festeggiamenti che portavano al loro sacrificio. I Tupi sono stati anche documentati a mangiare i resti dei parenti morti come una forma di loro onore.

Il fenomeno dei rituali di cannibalismo tra i Tupi e altre tribù del Brasile è diminuito costantemente dopo il contatto europeo e l'intervento religioso. Quando Cabeza de Vaca, un conquistador spagnolo, è arrivato a Santa Catarina nel 1541, per esempio, ha tentato di vietare le pratiche di cannibalismo in nome del re di Spagna.


Terena


I Terena sono un popolo indigeno del Brasile. La loro lingua tradizionale è il Terena. Vivono negli stati di Mato Grosso, Mato Grosso do Sul, e San Paolo. La popolazione totale è di circa 16.000 persone.


Karajá



I Karajá, noti anche come Iny, sono una tribù indigena dell'Amazzonia brasiliana. Vivono in una zona di 180 miglia lungo in Brasile centrale, nel Goiás, Mato Grosso, Pará, e nelle province di Tocantins. Essi risiedono attualmente in 29 villaggi della valle  del fiume Araguaia, vicino ai laghi e agli affluenti dei fiumi Araguaia e Javaés, e nell'Ilha do Bananal.

All'inizio del 20° secolo, vi erano circa 45.000 Karajá. Nel 1999, sono scesi a 2500-3000 individui. Nel 2010, ne sono stati registrati 3.198.


Ye'kuana 



I Ye'kuana, sono una tribù della foresta pluviale tropicale che parla il Cariban e che vive sui fiumi Caura e Orinoco nelle regioni del Venezuela, negli stati di Bolivar e Amazonas. In Brasile, abitano nel nord-est dello stato di Roraima. In Venezuela, i Ye'kuana vivono insieme ai loro ex nemici, i Sanumá (sottogruppo dei Yanomami).

Vivono in case comuni chiamate atta o ette. Hanno una struttura circolare con un tetto a forma di cono fatto di foglie di palma. Costruire una atta è considerata una attività spirituale in cui il gruppo riproduce la grande casa cosmica del Creatore.


Arawak



Gli Arawak sono un gruppo di popoli indigeni del Sud America e storicamente dei Caraibi. In particolare, il termine Arawak viene attribuito alle tribù Lokono del Sud America e alle tribù Taino, che storicamente hanno vissuto nelle Grandi Antille e del nord delle Piccole Antille nel Mar dei Caraibi, i quali parlavano la lingua Arawakan.

I Taino si sono estinti a partire dal 16° secolo, anche se molte persone nei Caraibi hanno antenati Taino. Ci sono circa 10.000 Lokono che vivono soprattutto nelle zone costiere del Venezuela, Guyana, Suriname e Guyana francese, e molti altri discendenti Lokono in tutta la regione. A differenza di molti gruppi indigeni del Sud America, la popolazione dei Lokono è in crescita.


Awá


Gli Awá o Guajá sono un gruppo in via di estinzione di indios che vivono nella parte orientale della foresta amazzonica del Brasile. Ci sono circa 350 membri, e 100 di loro non hanno alcun contatto con il mondo esterno. Il loro linguaggio fa parte della famiglia tupi-guarani. Originariamente vivevano in insediamenti, ma hanno adottato uno stile di vita nomade, circa nel 1800, per sfuggire alle incursioni da parte degli europei. Nel corso del 19° secolo, furono sempre più sotto attacco da parte dei coloni, che ha eliminato la maggior parte delle foreste dalla loro terra. Dalla metà degli anni 1980 in poi, alcuni Awá si sono trasferiti in insediamenti stabiliti, ma per la maggior parte sono stati in grado di mantenere il loro stile di vita tradizionale, in cui vivono del tutto nelle loro foreste, in gruppi nomadi di poche decine di persone, con poco o nessun contatto con il mondo esterno.

Indios bianchi


I primi avvistamenti e incontri nella foresta amazzonica con misteriosi indigeni dalla pelle bianca avvennero nel 16° secolo da parte di missionari spagnoli. Questi incontri ispirarono il viaggio di Percy Fawcett nella giungla inesplorata della regione amazzonica del Mato Grosso. Sono state proposte varie teorie sin dagli inizi del 20° secolo per quanto riguarda gli avvistamenti o incontri documentati. Tra gli indios bianchi amazzonici, vi sono i Parakanã che vivono in Brasile e gli Aché (chiamati Guayakí dalle tribù locali) che vivono in Paraguay.


Fonti: Amazonian languagesTupi people, Terena peopleArawak peopleAwá-Guajá peopleWhite Amazonian Indians - Wikipedia (traduzioni parziali)

Foto di Valter Campanato/ABr - Agência Brasil, CC BY 3.0 br