Passa ai contenuti principali

La Foresta Atlantica

La Foresta Atlantica (portoghese: Mata Atlântica) è un bioma terrestre e una regione che si estende lungo la costa atlantica del Brasile da Rio Grande do Norte a Rio Grande do Sul e verso l'interno in Paraguay ed nella provincia di Misiones in Argentina, dove la regione è conosciuta come Selva Misionera.

La Foresta Atlantica ha ecoregioni all'interno delle seguenti categorie: foreste tropicali e subtropicali umide di latifoglie, foreste tropicali e subtropicali secche di latifoglie, praterie tropicali e subtropicali, savane, terre a vegetazione arbustiva, foreste di mangrovie. La foresta atlantica è caratterizzata da una elevata diversità di specie e di endemismo.

E' stato il primo ambiente che i colonizzatori portoghesi hanno incontrato più di 500 anni fa. Oltre l'85% della superficie originale è stata disboscata, minacciando molte piante e animali in via di estinzione.


Cartina della Foresta Atlantica.

Ecologia

La regione della Foresta Atlantica comprende foreste di diverse varianti:

  • Foresta di Restinga: è un tipo di foresta che cresce su dune costiere stabili. Sono foreste con un'alta densità di alberi e volte chiuse. Le foreste di Restinga aperte sono simili a una savana con piccoli alberi e arbusti sparsi e un ampio strato di erba e ciperacee.
  • Foreste pluviali tropicali: sono le foreste che ricevono più di 2.000 mm di pioggia all'anno. Includono le foreste umide tropicali di pianura, submontane e montane.
  • Le foreste di Tabuleiro che si trovano su terreni argillosi molto umidi e le savane di Tabuleiro che si verificano nei tratti sabbiosi e meno umidi. Si tratta di zone umide che si basano sul vapore acqueo proveniente dall'oceano.
  • Nell'entroterra ci sono le foreste secche atlantiche o foreste stagionali, che formano una transizione tra l'arida Caatinga a nord-est e le savane del Cerrado a est. Queste foreste sono più basse in statura; più aperte, con grande abbondanza di alberi decidui e una diversità minore rispetto alle foreste umide tropicali. Queste foreste ricevono tra i 700 e i 1600 mm di precipitazioni all'anno, con una stagione secca distinta. Includono le foreste decidue e semidecidue stagionali, ciascuna con le proprie regioni di pianura e montane.
  • Foreste umide montane: sono di altitudine maggiore rispetto alle foreste umide, attraversano le montagne e gli altipiani del sud del Brasile.
  • Foreste di Mussununga: si verificano in Bahia meridionale negli stati settentrionali di Espirito Santo. L'ecosistema delle foreste di Mussununga varia da praterie a boschi associati a spodosol sabbiose. La parola "Mussununga" è di lingua Tupi-Guarani e significa "sabbia bianca morbida e bagnata".
  • Savane montane arbustive: si trovano a quote più elevate.

La Foresta Atlantica è insolita in quanto si estende come una vera e propria foresta pluviale tropicale a latitudini alte di 24° S. Questo perché gli alisei (venti) producono precipitazioni durante tutto l'inverno australe. In effetti, il nord di Zona da Mata, a nord-est del Brasile, riceve molte più piogge tra maggio e agosto che durante l'estate australe. La Foresta Atlantica è una foresta pluviale.

Biodiversità

Nonostante ne sia rimasta una piccola parte, la Foresta Atlantica rimane straordinariamente rigogliosa di biodiversità e di specie endemiche, molte delle quali a rischio di estinzione. Circa il 40 per cento delle sue piante vascolari e il 60 per cento dei suoi vertebrati sono specie endemiche, cioè non si trovano in nessun'altra parte del mondo. L'elenco ufficiale delle specie minacciate del Brasile contiene oltre 140 specie di mammiferi terrestri che si trovano nella Foresta Atlantica. In Paraguay ci sono 35 specie elencate come minacciate, e 22 specie sono elencate come minacciate nella parte interna della Foresta Atlantica dell'Argentina. Quasi 250 specie di anfibi, uccelli e mammiferi si sono estinte per effetto delle attività umane degli ultimi 400 anni. Oltre 11.000 specie di piante e animali della Foresta Atlantica sono oggi considerate minacciate.

Oltre il 52% delle specie arboree e il 92% degli anfibi sono endemici di questa zona. La foresta ospita circa 20.000 specie di piante, con quasi 450 specie di alberi che, in alcune occasioni, sono stati trovati in un solo ettaro di terra.

Nuove specie vengono continuamente scoperte nella Foresta Atlantica. Infatti, tra il 1990 e il 2006 oltre un migliaio di nuove piante da fiore sono state scoperte. Inoltre, nel 1990, i ricercatori hanno ri-scoperto una piccola popolazione di leontocebi dalla testa nera (Leontopithecus caissara), che era ormai ritenuto estinto. Una nuova specie di cappuccina bionda (Cebus queirozi), chiamato così per la sua pelliccia bionda e luminosa, è stata scoperta nel nord-est del Brasile al Pernambuco Endemism Center nel 2006. Una specie in via di estinzione di bradipo tridattilo, chiamato bradipo dal cappuccio (Bradypus torquatus) a causa della sui peli lunghi, è endemica della Foresta Atlantica.


Foresta Atlantica in Curitiba, Brasile.

Conservazione

Impatto umano

L'incorporazione delle società umane moderne e le loro esigenze in termini di risorse forestali ha notevolmente ridotto le dimensioni della Foresta Atlantica, che ha portato ad un impoverimento delle specie. Quasi l'88% degli habitat originali della foresta è andato perduto e sostituito da paesaggi umani modificati da pascoli, coltivazioni e aree urbane. Questa deforestazione continua ad un tasso annuo dello 0,5% e fino al 2,9% nelle aree urbane.

  • Agricoltura: Una parte importante di utilizzo del suolo umano nella foresta pluviale atlantica è per l'agricoltura. Le colture includono canna da zucchero, caffè, tè, tabacco e, più recentemente, colture di soia e biocarburanti.
  • Pascolo: Ancora più comune dello sfruttamento dei terreni per l'agricoltura è la conversione delle foreste a pascoli per il bestiame, comunemente praticata con il metodo del taglia e brucia, incendi indotti dall'uomo.
  • Caccia: Specie in una foresta frammentata, le popolazioni di fauna sono più suscettibili a diminuire, perché vivono in una zona limitata che è più accessibile ai cacciatori. Gli animali più grandi costituiscono la più alta percentuale di biomassa. Questi animali sono anche i più gratificanti per i cacciatori e sono fortemente cacciati in frammenti di foresta accessibili. Ciò provoca un cambiamento di interazione fra le specie, come la dispersione dei semi e la competizione per le risorse.
  • Taglio dei tronchi: Il taglio dei tronchi rimuove dal 10 all'80% della copertura della volta una foresta; ciò rende l'habitat più sensibile a elementi naturali come il vento e la luce del sole. Questo provoca un aumento nel riscaldamento della foresta e la conseguente essiccazione. Grandi quantità di residui organici e detriti si accumulano, ciò si traduce in un aumento della vulnerabilità delle foreste agli incendi.
  • Incendi: L'attività umana, come il taglio dei tronchi provoca un aumento di detriti che rende la Foresta Atlantica più suscettibile agli incendi. Si tratta di un tipo di foresta che non è abituata a una regolare attività di incendi naturali, così gli incendi indotti dagli umani influenzano notevolmente il sottobosco della foresta, perché le piante non sono abituate al fuoco. Di conseguenza, la foresta diventa ancora più vulnerabile agli incendi secondari, che sono molto più distruttivi e uccidono molte più specie tra gli alberi di grandi dimensioni.
I risultati dell'attività umana 

La frammentazione dell'habitat porta ad alterazioni del paesaggio originario della foresta. Ad esempio, l'entità dei disturbi umani nella Foresta Atlantica, tra cui la distruzione degli habitat, ha portato ad una crisi di estinzione. Le specie endemiche in questa regione sono particolarmente a rischio di estinzione a causa della frammentazione delle foreste. 

I processi ecologici fondamentali, come ad esempio la dispersione dei semi, sono disturbati dalla frammentazione. Con molti vertebrati dispersori di semi che vanno verso l'estinzione, si prevede che molte specie arboree da frutto nella Foresta Atlantica si estingueranno. Con tutte queste specie già minacciate, si prevede che con la persistenza di tassi di deforestazione in corso, la Foresta Atlantica vedrà continuare l'estinzione delle specie.

Fonte: Atlantic Forest - Wikipedia (traduzione parziale)

Articoli più letti

La Foresta Amazzonica (o Amazzonia)

La foresta amazzonica, nota anche con il nome di Amazzonia o giungla amazzonica, è una foresta equatoriale situata nel bacino amazzonico in Sud America. Con una superficie di 5,5 milioni di km², ovvero circa dieci volte più della Francia, è la foresta più grande del mondo. La foresta amazzonica copre nove paesi, principalmente il Brasile: quasi i due terzi della sua superficie totale sono in Brasile (63%); il terzo rimanente è condiviso da Perù (13%), Colombia (10%) e, in misura minore, Ecuador, Venezuela, Suriname, Guyana, Bolivia e Guiana francese.

Composta da circa 390 miliardi di alberi e 16.000 specie diverse, la foresta amazzonica è il più grande contenitore di biodiversità nel mondo. Ci sono quasi 60 volte più alberi adulti nella foresta amazzonica che esseri umani in tutto il pianeta.
Questo immenso territorio è minacciato dalla deforestazione: dal 1970, circa il 18% della foresta originaria è scomparso a causa della deforestazione e delle attività umane. Per preservare quest…

La deforestazione in Amazzonia

La deforestazione della foresta amazzonica ha subìto una forte crescita tra il 1991 e il 2004, raggiungendo un tasso di perdita forestale annua di 27,423 km² nel 2004. Anche se il tasso di deforestazione ha avuto un rallentamento a partire dal 2004 (con re-accelerazioni nel 2008 e 2013), la superficie forestale rimanente continua a diminuire.
La foresta amazzonica rappresenta oltre la metà delle foreste pluviali rimanenti nel pianeta, e costituisce il tratto di foresta pluviale tropicale più grande e più ricco di biodiversità nel mondo. Il 60% della foresta è contenuto in Brasile, seguita dal Perù con il 13%, la Colombia con il 10%, e con quantità minori in Venezuela, Ecuador, Bolivia, Guyana, Suriname e Guyana Francese.
Il settore dell'allevamento nell'Amazzonia brasiliana, incentivato dalle produzioni internazionali di carni bovine e di cuoio, è stato responsabile di circa l'80% di tutta la deforestazione nella regione, e di circa il 14% della deforestazione annua totale n…

Gli Indios dell'Amazzonia: popolazioni indigene

In Amazzonia vivono numerosissime tribù di indigeni, ma molto probabilmente non fu mai abitata prima del 3000 A.C. Oggi, gli indios amazzonici mantengono molte delle loro tradizioni centenarie e dei loro costumi, ma il loro habitat è seriamente minacciato dalla deforestazione e dallo sfruttamento del suolo.
Interazioni tra i diversi gruppi

Ogni gruppo linguistico tende a condividere alcune caratteristiche relative alla tipologia del territorio che occupano, del modo di produzione e del tipo di materialismo culturale. Ad esempio, praticamente tutti i gruppi etnici delle famiglie Arawak, Cariban e Tupi occupano aree di foresta pluviale tropicale, utilizzano ampiamente l'agricoltura e costruiscono canoe, amache e ceramiche. D'altra parte, i gruppi etnici Yê di solito vivono nelle praterie, hanno poca agricoltura e non costruiscono canoe, amache o ceramiche. Tuttavia, essi hanno una organizzazione sociale più complessa. Sparsi tra i villaggi agricoli, nel cuore della giungla, vivo…

Giaguaro (Panthera onca)

Il giaguaro (nome scientifico: Panthera onca) è un mammifero carnivoro della famiglia dei felidi. E' uno dei cinque "grandi felini" del genere Panthera con la tigre, il leone, leopardo e il leopardo delle nevi. La sua specie si estende dal Messico a gran parte dell'America Centrale e del Sud America fino al nord dell'Argentina e al Paraguay.
Descrizione
Questo felino maculato assomiglia fisicamente al leopardo, ma l'aspetto è generalmente più grande e più massiccio. L'habitat e il comportamento, invece, sono più vicini a quelli della tigre. Sebbene la fitta foresta pluviale sia il suo habitat preferito, il giaguaro abita anche in una vasta gamma di aree aperte e boschive. 
E' fortemente associato alla presenza di acqua e, come la tigre, gli piace nuotare. E' un predatore solitario, pur essendo opportunista nella scelta preda. E' anche un superpredatore, che svolge un ruolo importante nella stabilizzazione degli ecosistemi e nella regolazione d…

La Foresta Tropicale (o Foresta Equatoriale)

Le foreste pluviali tropicali, o foreste equatoriali, si trovano in zone di clima tropicale in cui non c'è stagione secca - tutti i mesi hanno una precipitazione media di almeno 60 mm. Raramente si estendono più di 10 gradi a nord o a sud dell'equatore. All'interno della classificazione del World Wildlife Fund, le foreste pluviali tropicali sono un tipo di foresta tropicale umida a latifoglie (o foresta umida tropicale) che comprende anche le foreste tropicali stagionali.
La foresta tropicale può essere descritta in due parole: caldo e umido. Le temperature medie mensili sono superiori a 18° C durante tutti i mesi dell'anno. Le precipitazioni medie annue non sono inferiori ai 168 cm e possono superare i 1.000 cm, anche se sono in genere tra 175 e 200 cm. Questo elevato livello di precipitazioni si traduce spesso in terreni poveri a causa della lisciviazione dei nutrienti solubili nel terreno.
La foresta equatoriale presenta elevati livelli di biodiversità. Dal 40% al …

Animali dell'Amazzonia: la fauna

La Foresta Amazzonica è la patria di circa 2,5 milioni di specie di insetti, decine di migliaia di piante e circa 2.000 uccelli e mammiferi. Fino ad oggi, almeno 2.200 pesci, 1.294 uccelli, 427 mammiferi, 428 di anfibi e 378 rettili sono stati scientificamente classificati nell’Amazzonia. Una specie su cinque di uccelli di tutto il mondo vive nelle foreste pluviali dell’Amazzonia, e una su cinque delle specie ittiche vivono nei fiumi e nei torrenti amazzonici. Gli scienziati hanno classificato tra 96,660 e 128,843 specie di invertebrati solo in Brasile. 
Una specie su dieci di animali conosciuti in tutto il mondo vive nella Foresta Amazzonica. Questo fa dell’Amazzonia la più grande collezione di specie animali che vivono nel mondo. Purtroppo, però, a causa dei continui disboscamenti, la fauna di questo meraviglioso luogo è in serio pericolo e molte specie animali sono a rischio estinzione.

LEGGI ANCHE: LA DEFORESTAZIONE IN AMAZZONIA Uccelli

Nella foresta amazzonica vivono numerosissime…

La Foresta Pluviale

La foresta pluviale è una foresta caratterizzata da elevata piovosità, con precipitazioni annue tra i 250 e i 450 centimetri. Ci sono due tipi di foresta pluviale: la foresta tropicale e la foresta temperata. Il fronte intertropicale, in alternativa conosciuto come la zona di convergenza intertropicale, gioca un ruolo significativo nel creare le condizioni climatiche necessarie per le foreste pluviali tropicali della Terra.
Circa il 40% - 75% di tutte le specie biotiche sono native delle foreste pluviali. E' stato stimato che ci possono essere molti milioni di specie di piante, insetti e microrganismi ancora da scoprire nelle foreste pluviali tropicali. Le foreste pluviali tropicali sono chiamate i "gioielli della Terra" e la "più grande farmacia del mondo", perché più di un quarto delle medicine naturali sono state scoperte lì. Le foreste pluviali sono anche responsabili per il 28% dell'ossigeno nel mondo, elaborato attraverso la fotosintesi da anidride c…

Aquila arpia (Harpia harpyja)

L'aquila arpia (nome scientifico: Harpia harpyja) è una specie di uccello della famiglia Accipitridae che vive nella zona neotropicale. È l'aquila più grande dell'Emisfero Occidentale e dell'Emisfero Australe, e l'unica specie del genere Harpia. Il suo habitat è il bosco piovoso. Non si riconoscono sottospecie.
L'aquila arpia è l'uccello nazionale del Panama e la specie simbolo della diversità biologica dell'Ecuador. E' chiamata anche aquila coronata, benché tale nome sia dato anche ad altre specie, in particolare alle specie Stephanoaetus coronatus e Harpyhaliaetus coronatus. Il genere Harpia, insieme a Harpyopsis e Morphnus forma la sottofamiglia Harpiinae.
Descrizione
L'aquila arpia è il rapace più potente; le dimensioni medie della femmina dell'arpia sono di 100 cm di larghezza, 200 cm di apertura alare ed un peso di 9 kg. Il maschio ha dimensioni più piccole: fino a 196 cm di apertura alare ed un peso approssimativo di 8 kg. È una delle…

Il Rio delle Amazzoni

Il Rio delle Amazzoni è un fiume del Sud America. La sua portata media alla foce di 209 000 m3⋅s-1 è di gran lunga la più alta di tutti i fiumi del pianeta ed è equivalente al volume complessivo di sei fiumi che lo seguono immediatamente in ordine di portata. Con i suoi 6437 km, è il fiume più lungo della Terra dopo il Nilo. Il Rio delle Amazzoni è anche il fiume più grande per l'immensità del suo bacino. Drena una superficie di 6,112,000 km² (escluso il fiume Tocantins) o il 40% del Sud America, l'equivalente di una volta e mezzo la zona dell'Unione europea (il fiume Congo secondo fiume per la superficie del suo bacino, ha raggiunto solo i 3,8 milioni di chilometri quadrati).
Il bacino si estende da 5° di latitudine nord a 20° sud. Il fiume ha la sua sorgente nelle Ande, attraversa Perù, Colombia e Brasile, e sfocia nell'Oceano Atlantico all'equatore. La sua rete idrografica comprende oltre 1.000 corsi d'acqua. Il Rio delle Amazzoni da solo forma il 18% del v…

Boa costrittore (Boa constrictor)

Il boa costrittore (nome scientifico: Boa constrictor) è una specie di rettile squamoso della famiglia Boidae. È un boa nativo dell'America, dall'Argentina fino al nord del Messico. Solo la sottospecie Boa constrictor constrictor possiede la fine della sua coda di un colore rossiccio (il boa coda rossa).
Vive in habitat aventi poca quantità di acqua, come deserti e savane, ma può trovarsi anche in boschi umidi e terreni coltivati. È un rettile tanto terrestre quanto arboreo.
Descrizione
Il boa costrittore misura tra 0,5 e 4 m, la lunghezza dipende dalla sottospecie e dal sesso dell'animale, essendo le femmine normalmente più lunghe dei maschi. Il più grande esemplare in cattività è una femmina di 5,5 m di Suriname che si trova nello Zoo di San Diego.


Presenta una caratteristica colorazione che consiste in macchie dai toni rossicci sulla superficie dorsale su uno sfondo che può essere bianco, rosato, marrone o dorato, a seconda della sottospecie o degli incroci creati in ca…